Al primo giro nessuno si avvicina. Una signora chiede spiegazioni al bagnino biondo, ma anche lui i soldati in spiaggia non li aveva mai visti prima: «Spero non sia successo niente di grave».

Qualcuno intuisce, quando nota in lontananza i militari che si fermano nel punto più affollato del litorale di Ventimiglia. Arrivano i ragazzi, molti scendono dai bus e qualcuno piomba col monapattino, e gli uomini dell’Esercito si avvicinano subito per la solita raccomandazione: «Cercate di evitare gli assembramenti, se state insieme e troppo vicini usate le mascherina». Divisa mimetica, scarponi, mitra di ordinanza. Certo vedere i soldati vestiti sul bagnasciuga come in missione non lascia indifferenti.

A Ventimiglia militari in spiaggia contro il Covid

La scena di militari in tuta mimetica sul bagnasciuga ha colpito chi si trovava al mare per una giornata di relax. Senza chiedere, è risultato subito chiaro che l’Esercito fosse lì per verificare il rispetto delle norme ed evitare assembramenti, come accaduto altrove: dal distanziamento sociale all’utilizzo della mascherina, laddove non consentito. Ultimamente, la città in provincia di Imperia ha cercato di unire un ritorno alle attività estive con la massima prudenza nei comportamenti. Il primo cittadino, Gaetano Scullino, nel mese di giugno ha emanato un’ordinanza che prevedeva la riduzione della movida fino a mezzanotte.

Il bollettino Covid in Liguria

Stando all’ultimo bollettino che fa riferimento al 25 luglio, nella Regione Liguria si contano 1.152 positivi, 5 in meno rispetto al giorno precedente. I pazienti ospedalizzati sono in tutto 26 e non si registrano decessi nelle ultime 24 ore. La provincia di Imperia conta 82 casi positivi, nove in meno. La provincia che registra il numero maggiore è Genova, con 754 casi positivi rilevati.

Foto tratta dal video di Manrico Gatti, che potete vedere sull’articolo originale al sottostante link

Fonte: https://video.lastampa.it/imperia-sanremo/coronavirus-l-esercito-arriva-sulle-spiagge-di-ventimiglia/117593/117612

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *