Buon compleanno al nostro Presidente Mattarella, che compie oggi 79 anni.Con la sua pacatezza e il suo equilibrio riflessivo, si avvia verso la scadenza del mandato, che sarà il febbraio del 2022,
“arbitrando” la difficile situazione italiana.

Sono stati anni duri, questi del suo mandato, specialmente i mesi di questo 2020, che hanno messo più volte alla prova l’uomo, il politico, il cristiano.

È a capo di un Paese spesso smarrito; triste per i fatti legati alla diffusione del coronavirus che hanno lasciato profonde cicatrici e talvolta incattivito dalla cronaca, dalla sfiducia, dalla rabbia.

Il suo esempio ci invita alla saggezza e alla riflessione, anche se talvolta non sembrano bastare.
Sobrio e riservato, si trova spesso a dare riconoscimenti agli “eroi del quotidiano”, a occuparsi di solidarietà e a difendere la nostra Repubblica.

I sondaggi dicono che la fiducia che gli italiani nutrono nei suoi confronti è la più alta rispetto a ogni altra figura politico-istituzionale, anche se talvolta il suo operato è stato oggetto di critiche.

Sergio Mattarella nasce a Palermo il 23 luglio 1941 il politico, giurista, accademico, avvocato e fratello minore di Piersanti Mattarella.

Laureato in Giurisprudenza nel 1964 all’Università “La Sapienza” di Roma con il massimo dei voti e la lode, è stato iscritto nell’albo degli avvocati del Foro di Palermo dal 1967.

Ha insegnato diritto parlamentare presso la Facoltà di giurisprudenza dell’Università di Palermo fino al 1983, anno in cui è stato collocato in aspettativa perché entrato a far parte della Camera dei Deputati.

La sua attività scientifica e le sue pubblicazioni hanno riguardato prevalentemente argomenti di diritto. Ha svolto relazioni e interventi in convegni di studi giuridici e tenuto lezioni in corsi di master e di specializzazione in varie Università.

Eletto deputato per la Democrazia Cristiana nel 1983 nella circoscrizione della Sicilia occidentale, ha fatto parte della Camera dei Deputati sino al 2008.

In queste sette legislature ha fatto parte della Commissione Affari costituzionali, della Commissioni Affari esteri e del Comitato per la Legislazione, di cui è stato anche Presidente.

E’ stato componente, inoltre, della Commissione bicamerale per le Riforme istituzionali dell’XI legislatura, di cui è stato Vice Presidente, della Commissione bicamerale per le Riforme istituzionali della XIII legislatura, della Commissione parlamentare d’inchiesta sul terrorismo e le stragi, della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla mafia. Nella XV legislatura è stato Presidente della Commissione Giurisdizionale della Camera dei Deputati.

Nella XIII legislatura è stato Presidente del Gruppo parlamentare dei Popolari e Democratici.

Dal luglio 1987 al 1989 è stato Ministro dei Rapporti con il Parlamento, poi Ministro della Pubblica Istruzione.

È di quel periodo la riforma degli ordinamenti della scuola elementare che, tra le innovazioni, introdusse il modulo dei tre maestri su due classi (legge n. 148 del 1990).

Dall’ottobre 1998 è stato Vice Presidente del Consiglio dei Ministri sino al dicembre 1999 quando è stato nominato Ministro della Difesa, incarico tenuto fino alle elezioni del giugno del 2001.

Nel maggio 2009 è stato eletto dal Parlamento componente del Consiglio di presidenza della Giustizia amministrativa, di cui è stato Vice Presidente.

Il 5 ottobre 2011 è stato eletto Giudice Costituzionale dal Parlamento ed è entrato a far parte della Corte Costituzionale con il giuramento dell’11 ottobre 2011.

Il 31 gennaio 2015 è stato eletto dodicesimo Presidente della Repubblica.

Auguri dunque a Sergio Mattarella e alla nostra Repubblica, che, in questo particolare momento, ne ha davvero bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *