E’ successo in Palestina, la foto ha fatto il giro della rete e ha commosso tutti.

Se c’è una cosa che stringe il cuore e provoca una profonda tristezza è non poter salutare i propri cari sul letto di morte. Purtroppo il Covid-19 ha aumentato questa sofferenza: tutti i pazienti ricoverati che sono morti erano da soli. Un sorriso, una parola di conforto, una carezza, sono fondamentali in un momento così delicato della vita.

Un 30enne palestinese, Jihad Al-Suwaiti, non si fermato di fronte a questa cosa e ha trovato un modo per stare accanto alla madre affetta da Covid, in ospedale. Sempre nel pieno rispetto delle norme di distanziamento sociale. Il giovane si è arrampicato sulla facciata della struttura sanitaria ed è rimasto seduto sul cornicione, davanti alla finestra della camera della madre. Tutte le sere, dal primo giorno di ricovero fino all’ultimo

Non ha voluto lasciarla da sola un attimo e, dal 16 luglio fino alla morte, è rimasto a vegliare sulla donna di 73 anni. L’immagine di Jihad, arrampicato sul muro dell’ospedale hanno fatto il giro del mondo e hanno commosso tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *