Un atto di accusa contro la Regione Lazio per le tante promesse non mantenute a chi durante una grave pandemia ha dato tutto se stesso per salvare vite.

Nel corso di questi anni e mesi ci siamo battuti e ci stiamo battendo con spirito collaborativo per una questione vitale: i nostri diritti, la tutela di ogni professionista e di ogni cittadino.

Con umiltà riteniamo che durante l’emergenza covid era indispensabile una presa di coscienza sulle responsabilità politiche e amministrative delle istituzioni coinvolte, senza ulteriori false promesse.

I diritti, la salute e la sicurezza dovevano essere sempre più legati al valore della persona e del lavoro. Intendiamo con questa iniziativa riaffermare il ruolo essenziale e strategico di una professione, spesso sottovalutata, nelle forme della responsabilità e senso del lavoro ai quali siamo quotidianamente abituati.

Per questo gli operatori del 118 si sentono abbandonanti dall’ente regionale, ecco perché il sindacato autonomo dei lavori, Confail, ha organizzato per il 15 luglio l’iniziativa in Piazza Oderico da Pordenone: “Gli eroi del Covid abbandonati dalla Regione Lazio”. Sul piatto la discrasia tra dipendenti pubblici e privati all’interno del 118. Una rivendicazione di soldi dati ai primi in busta paga, escludendo i secondi.

Ci preme continuare a ricordare all’Assessore D’Amato che siamo noi quelli chiamati EROI, ma siamo anche quelli che la Regione Lazio ed in particolare sempre LEI Assessore ci continua a trattare come categoria di Serie B, partendo dal riconoscimento (premio) del lavoro svolto durante il periodo COVID in prima linea, ma per volere regalato a chi sempre nel periodo COVID ha prestato servizio all’interno degli uffici 118 davanti un PC ed un telefono. È innegabile che si configura una discriminazione sociale.

Ma siamo sempre noi del 118 che attenderemo un cenno da Lei Assessore quando il giorno 15 Luglio ci presenteremo sotto la Regione Lazio per chiedere un giusto riconoscimento per il lavoro svolto e una garanzia per il nostro futuro.

Basta Bugie non è una protesta sterile, ma una iniziativa di forte dissenso verso una politica regionale estranea alla questione sanitaria fondata sui presidi territoriali, veri e propri garanti di sicurezza. Sfruttamento, demansionamento, indebolimento sono soltanto alcuni dei segni di una crisi sanitaria regionale per certi versi strutturale.

L’evento “Basta Bugie”, organizzato dagli Operatori del 118 del Lazio dopo il Lockdown, “Gli eroi del Covid abbandonati dalla Regione Lazio”, si svolgerà in data 15 luglio alle ore 9,00 a Piazza Oderico da Pordenone (Regione Lazio).

Si auspica una ampia partecipazione delle istituzioni per chiedere un diritto ed una garanzia a tutti gli operatori sanitari, sia pubblici che privati, per garantire un servizio utile alla popolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *