Le vittime, un 27enne e una giovane donna d’età sconosciuta, hanno contratto la malattia mangiando carne di marmotta. Le autorità locali stanno compiendo test su altre persone venute a contatto con gli infetti

La Mongolia ha messo in quarantena la sua regione occidentale, che confina con la Russia, dopo aver identificato due casi di peste nera legati al consumo di carne di marmotta. Lo hanno riferito i funzionari sanitari. Come riporta il Moscow Times, che cita media locali, le vittime sono un uomo di 27 anni e una giovane donna di età sconosciuta.

Vietato l’accesso ai veicoli nella regione di Khovd

Stando al Centro nazionale della Mongolia per la malattia zoonotica (Nczd), i test di laboratorio hanno confermato che i due individui hanno contratto la “peste delle marmotte” nella regione di Khovd. La stessa struttura ha spiegato di aver disposto la quarantena per il capoluogo di provincia e uno dei distretti della regione, a circa 500 chilometri a sud delle repubbliche siberiane meridionali di Tyva e Altai. Ai veicoli è temporaneamente vietato l’ingresso nella zona.

In corso test su altre persone

L’Nczd ha dichiarato di aver analizzato campioni prelevati da 146 persone che, a suo dire, hanno avuto contatti con le due persone infette e di aver identificato 504 individui che hanno avuto un secondo contatto.

Fonte: https://tg24.sky.it/mondo/2020/07/03/peste-nera-mongolia-khovd

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *