Fortissima grandinata nel Reggiano, frana nella Bergamasca, alberi abbattuti in provincia di Ferrara. Milano: fiumi osservati speciali

L’ondata di maltempo, puntualmente prevista per oggi, ha cominciato a flagellare l’Italia provocando i primi danni. Da Bergamo a Reggio Emilia vento forte, frane, grandinate, trombe d’aria con danni notevoli come sempre accade ormai da quando il clima è radicalmente cambiato. La Protezione Civile ha diramato un’allerta per piogge e temporali nelle regioni del Nord (qui le previsioni dell’Emilia Romagna). In particolare a Milano viene attivato il Centro Operativo di Comunale (Coc) per il monitoraggio dei livelli idrometrici dei fiumi Seveso e Lambro e del radar e saranno allertate le squadre di Polizia locale, Protezione civile e MM servizi idrici al fine di graduare l’attivazione del piano di emergenza. Notte di disagi in provincia di Brescia e nel Lodigiano.

Frana nella Bergamasca

I primi disagi in provincia di Bergamo. La carreggiata in direzione Bolzano della strada statale 42 “Del Tonale e della Mendola” è temporaneamente chiusa dal km 30,200 al km 32,800 ad Albano Sant’Alessandro, in provincia di Bergamo, a causa di una frana causata dalle forti piogge di ieri. Le operazioni di ripulitura della carreggiata sono al momento in corso. Sono stati ben 50 gli interventi nella notte da parte dei vigili del fuoco di Bergamo per il maltempo che si è abbattuto sulla provincia: gli interventi si sono concentrati in particolare tra le 22 di ieri sera e le 2 di stamattina.

Grandinata nel Reggiano

Una violenta grandinata si è abbattuta nella Bassa Reggiana nella notte intorno all’una. In particolare ad essere più colpita è stata la zona del Comune di Fabbrico. I chicchi piovuti dal cielo erano grandi circa quanto un’albicocca e hanno creato diversi danni. Decine le auto in sosta che hanno riportato la rottura del parabrezza o del lunotto. Mentre sono andati in frantumi anche finestre e lucernari di alcune abitazioni. Numerose le telefonate arrivate ai vigili del fuoco.

Tempesta in provincia di Ferrara

Tetti scoperchiati1500 utenze di energia elettrica disalimentate, alberi abbattuti e divelti, e la superstrada che collega Ferrara a Porto Garibaldi subito chiusa per poter permettere ai Vigili del Fuoco di intervenire in sicurezza: una cinquantina, insieme a 20 volontari di Protezione civile e, per loro, si calcolano 160 interventi ancora da realizzare. E’ il bilancio della notte di maltempo in provincia di Ferrara, in particolare nelle zone di Fiscaglia e Ostellato. “Per prima cosa voglio rassicurare i sindaci, che non saranno lasciati soli – ha detto il presidente della Regione Stefano Bonaccini, che ha incontrato i primi cittadini – La Regione c’è, noi ci siamo e faremo tutto quello che serve per dare una mano. Siamo di fronte a due tipi di danni: il primo riguarda il territorio con i suoi edifici, le strade, la viabilità. Il secondo interessa l’agricoltura. Ci sono quindi lavori da fare in somma urgenza e che provvederemo a cantierare il prima possibile. Ed è importante anche avere subito la quantificazione dei danni per verificare quali istituti attivare”.

La tromba d’aria nel Ferrarese, le grandinate nella bassa Reggiana hanno ancora una volta creato danni ingenti all’agricoltura, già messa a dura prova dalle gelate tardive e dall’emergenza coronavirus. “Sono davvero costernato – afferma l’assessore regionale all’agricoltura, Alessio Mammi – per i danni alle colture e ai raccolti che ancora una volta metteranno a dura prova le nostre imprese agricole. E’ un duro colpo e voglio esprimere la mia vicinanza agli agricoltori e alle comunità.

Danni anche nel Bolognese

Anche in provincia di Bologna, nella pianura in direzione del Ferrarese, diversi sono stati gli interventi dei vigili del fuoco, in particolare per alberi e rami caduti, a causa del maltempo. In  articolare, intorno alle tre di notte, una squadra è intervenuta sull’autostrada A13, all’altezza di Malalbergo, per rimuovere una pianta. Altri episodi simili ad Altedo, Baricella, San Pietro in Casale, Budrio; a Crevalcore una parte di un albero è finita sopra un tetto.

Basilicata: tromba d’aria

Una violenta tromba d’aria abbattutasi ieri sulla Collina materana “ha causato ingenti danni alle strutture, scoperchiando capannoni, stalle e addirittura tetti di abitazioni, senza ovviamente risparmiare le tante coltivazioni in campi”. Lo segnala il presidente della Copagri Basilicata Nicola Minichino. “Tra le produzioni agricole piu’ colpite risultano al momento i cereali, gli oliveti, i vigneti, le colture orticole, i frutteti e le serre, con perdite stimate nell’ordine del 40-60% della produzione”.

Allerta meteo

La Protezione Civile ha diramato un’allerta per oggi. L’allerta è arancione in Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, gialla in 10 regioni “Un`area depressionaria di origine atlantica – ha spiegato il Dipartimento della Protezione civile – sta raggiungendo le nostre regioni settentrionali, apportando un graduale peggioramento, con temporali più significativi nella giornata di venerdì”.

Lazio

Allerta gialla nel Lazio. Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso oggi l’avviso di condizioni metereologiche avverse con indicazione che dal pomeriggio di oggi, venerdì 3 luglio, e per le successive 18-24 ore, si prevedono sul Lazio: precipitazioni isolate, anche a carattere di rovescio o temporale. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, possibili grandinate e forte raffiche di vento. Previsti temporali su Bacini Costieri Nord, Bacino Medio Tevere, Appennino di Rieti, Bacini di Roma, Aniene, Bacini Costieri Sud e Bacino del Liri.

Campania

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali con conseguente criticità idrogeologica di colore giallo valevole a partire dalle ore 10 alle ore 20 di domani, sabato 4 luglio, sull’intero territorio regionale. Si prevedono precipitazioni locali o sparse a prevalente carattere di rovescio o temporale  caratterizzati da una incertezza previsionale e rapidità di evoluzione, con possibili raffiche di vento nei temporali. Sulla fascia costiera, e in particolare nelle zone 1 (Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana), 3 (Penisola sorrentino-amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini), 5 (Tusciano e Alto Sele), 6 (Piana Sele e Alto Cilento) e 8 (Basso Cilento) le precipitazioni riguarderanno principalmente il settore interno dei rispettivi territori.

Toscana

Codice giallo su tutta la Toscana per piogge e temporali forti a causa di un modesto peggioramento delle condizioni meteo che prolungano e estendono la vigilanza fino alle ore 14 di domani, sabato 4 luglio. Nel corso del pomeriggio di oggi potranno esserci precipitazioni sparse e isolati temporali, localmente forti, sui crinali appenninici e sulle province di Siena e Arezzo. Dalla sera e per la giornata di domani, sabato, i forti temporali potranno estendersi su tutta la regione, fino alla mattina di domani, piu’ probabili e frequenti sulle zone meridionali e su quelle occidentali. Saranno possibili grandinate e forti raffiche di vento.

Fonte: https://www.quotidiano.net/cronaca/maltempo-oggi-1.5286292

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *