Il sindaco di Firenze Dario Nardella annuncia un parco speciale: Un albero per ogni vittima del Covid

172 alberi, uno per ogni vittima. Ciliegi, salici bianchi, lecci sono solo alcuni dei tanti alberi che hanno cominciato a piantare, ognuno con il nome e una dedica fatta dai cari per chi purtroppo ci ha lasciato in questo brutto periodo.

E’ in atto il progetto “dona un albero” a Firenze in cui chiunque può acquistare un albero per una persona cara il quale verrà piantato nel periodo più propizio per la crescita e che entrerà a far parte del patrimonio arboreo del comune di Firenze. Sono già più di 580 le adesioni.

Ridare ossigeno alla terra così da poter assorbire più CO2 rendendo così onore alle persone colpite da questo virus ,il quale, l’ossigeno lo toglie sempre di più fino a causare il decesso. Un fatto simbolico oltre che ambientale quello di piantare alberi.

Il sindaco Nardella afferma:

Gli alberi sono un segno di vita un luogo per non dimenticare, per capire che uno dei modi per combattere questa epidemia è anche la cura dell’ambiente. Andiamo avanti quindi con convinzione nella realizzazione di interventi di sviluppo urbano sostenibile, come i progetti di ‘forestazione urbana’ e la messa a dimora di 20mila nuove alberature entro la fine del mandato per migliorare la qualità di vita dei cittadini.

La frase “non sono solo numeri” che si è sentita molto in questo periodo per indicare le vittime non è mai stata cosi veritiera. Erano padri, madri, nonni, amici, figli, e grazie a questa iniziativa viene confermata ancora di più.

Fonte: https://www.positizie.it/2020/06/22/un-albero-per-ogni-vittima-a-firenze-nasce-il-parco-per-ricordare-chi-ci-ha-lasciato-causa-covid/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *