La piccola, operata allʼospedale pediatrico Santobono-Pausillipon, era affetta da Atresia Auris, una malformazione congenita

Bimba torna a sentire grazie a un intervento di costruzione in 3D dell’osso temporale effettuato, per la prima volta in Italia, stando a quanto riferito dalla direzione sanitaria, all’ospedale pediatrico Santobono-Pausillipon di Napoli. Il risultato è stato possibile attraverso la collaborazione del Santobono con un ingegnere biomedico, Luigi Iuppariello che ha permesso la realizzazione del modello tridimensionale.

La piccola paziente ipoacustica è stata seguita dall’Unità operativa di Chirurgia protesica della Sordità Infantile. Affetta da Atresia Auris, una malformazione congenita con assenza del padiglione auricolare, del condotto uditivo esterno e dell’orecchio medio, la bimba presentava un grave deficit uditivo con relativi problemi di apprendimento scolastico. L’intervento chirurgico è stato eseguito dall’equipe composta dai dottori Antonio della Volpe, direttore del Dipartimento, De Lucia, Varicchio e Granata della Chirurgia Protesica della Sordità Infantile, che è Centro di riferimento regionale per gli impianti cocleari pediatrici del Santobono.

I medici hanno utilizzato una tecnica innovativa in campo otochirurgico per la pianificazione preoperatoria, grazie a moderni software di elaborazione di immagine che hanno prodotto, a partire dall’esame TC (Tomografia Computerizzata), un modello digitale 3D della zona di interesse sul quale è stato effettuato un planning chirurgico pre-operatorio, grazie al quale è stato possibile visualizzare più accuratamente l’anatomia del paziente e stabilire la strategia operatoria con estrema precisione.

Grazi a una stampa 3D è stato realizzato un modello anatomico della struttura di interesse estremamente accurato e realistico, finalizzato ad aumentare la capacità di comprensione del caso specifico da affrontare.

 

Fonte: https://www.ilriformista.it/bambina-torna-a-sentire-grazie-alla-ricostruzione-3d-a-napoli-primo-intervento-in-italia-116043/?refresh_ce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *