La Germania introduce dei dazi occulti contro il Made In Italy nel totale silenzio del Governo PD-M5S e in violazione di ogni norma europea sul mercato unico”.

La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni punta il dito contro la cancelliera Angela Merkel e il governo di Giuseppe Conte che “rimarrà in silenzio anche su questo, per non indispettire la signora Merkel?”, si chiede la Meloni su Twitter.

Il riferimento è alla causa contro la Germania per violazione delle regole europee in materia di commercio fatta da sette aziende, sei italiane e una belga. I legali delle imprese hanno impugnato la nuova norma tedesca che abbassa i limiti di emissione di formaldeide nei pannelli in truciolato e fibra di legno che a cascata coinvolge tutta la filiera industriale compresa quella delle produzione di mobili e cucine. Un modo che di fatto rallenta o blocca da tutta Europa l’import di questi prodotti nel paese guidato da Angela Merkel. “Abbiamo capito da Bruxelles che la Germania, invece di mettere i
dazi come fa Trump sui prodotti, cerca di proteggere la propria industria attraverso standard o prescrizioni che non sono così visibili o chiari come è un dazio, ma che alla fine come barriera d’ingresso hanno lo stesso effetto”, ha detto all’Adnkronos Paolo Fantoni, ad dell’omonimo gruppo industriale e presidente dell’European Panel Federation.

Si contesta in particolare la modifica unilaterale delle condizioni perché rendono non valida la marcatura CE: la regola europea prevede che un prodotto con questo marchio debba poter circolare liberamente in tutti i mercati dell’Unione. La Germania ha modificato da sola, rendendoli più stringenti, i limiti di emissione di formaldeide previsti dalle norma per la certificazione CE rendendo di conseguenza fuorilegge tutti quei prodotti che non rispettano gli standard tedeschi, anche quelli con marcatura europea. Ma non solo. Le modifiche prevedono anche differenti norme sul testaggio, misura questa non è stata notificata alle autorità di Bruxelles infrangendo nuovamente le regole europee.

Danni da capogiro per il made in Italy dato che la Germania rappresenta per il nostro Paese il secondo mercato e che solamente per quanto riguarda i pannelli, nel 2019 le nostre aziende ne hanno prodotto quasi 4 milioni di metri cubi.

Quindi la Germania ha stabilito che il marchio Ce non è sufficiente per ammettere la libera circolazione delle merci comunitarie sul proprio territorio e ha introdotto unilateralmente ulteriori standard”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

Un dettaglio? No. Guarda caso questa norma penalizza enormemente la filiera del mobile italiano. Il Governo Conte rimarrà in silenzio anche su questo, per non indispettire la signora Merkel?”, aggiunge Meloni.

In un’altra dichiarazione, la leader di Fdi si sofferma sull’approvazione del decreto scuola: “La maggioranza applaude se stessa in Aula dopo l’approvazione del decreto Azzolina ma la verità è un’altra: sul nuovo anno scolastico regna l’incertezza più assoluta e studenti, famiglie e docenti sono abbandonati a se stessi”.

“Conte -aggiunge- si riempie la bocca con le parole dialogo e confronto ma in Parlamento la sua maggioranza ha bocciato tutte le proposte di Fdi sulla stabilizzazione dei precari e dei docenti di sostegno, sulla tutela delle scuole paritarie, sull’edilizia scolastica e sulle misure necessarie per riaprire le scuole in sicurezza con l’adozione di precisi protocolli. Come se non bastasse, al caos si aggiungono le idee strampalate dell’Azzolina sul plexiglas tra i banchi per tenere distanti gli alunni. La scuola italiana merita molto di più di un ministro che dalle ‘classi pollaio’ vuole passare alle ‘classi acquario'”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *