Il caso di George Floyd non è in alcun modo legato ad una presunta emergenza razziale negli Stati Uniti.

I risultati autoptici per ora hanno escluso che l’afroamericano, con un cv ricco di condanne penali per rapina e aggressione, sia morto soffocato o strangolato.

Resta da capire quali sono le circostanze che hanno portato alla morte di Floyd, ma ci sono prove che quanto sta accadendo ora era già stato in realtà ampiamente preparato con più di un anno di anticipo.

I rivoltosi che stanno devastando, e uccidendo come nel caso dell’ufficiale di polizia di Saint Lous, le strade degli Stati Uniti sono principalmente coordinati da due gruppi: Black Lives Matter e Antifa.

Entrambe queste organizzazioni sono finanziate da George Soros ed hanno una missione specifica. Alimentare le tensioni razziali per destabilizzare il Paese e rovesciare la presidenza Trump.

Non si tratta di una semplice deduzione ricavata dall’analisi di quanto sta accadendo

E’ quanto dichiarato da uno di questi due gruppi. Il New York Times, tra i quotidiani più ostili a Trump assieme al Washington Post, mise a disposizione nel 2017 una intera pagina di giornale per Antifa.

L’organizzazione finanziata da Soros lanciò una vera e propria chiamata alle armi invitando chiaramente a riunire migliaia di ribelli nelle città per arrivare ad un solo obbiettivo: porre fine alla presidenza Trump.

Antifà è quindi molto di più di un semplice gruppo politico. E’ il braccio armato sostenuto finanziariamente dal deep state che arruola e paga rivoltosi utilizzati per destabilizzare le amministrazioni nemiche, in questo caso quella di Donald Trump.

Quella che si sta vedendo quindi non è altro che una strategia per portare avanti un colpo di Stato.

Una strategia che Soros ha portato avanti nel mondo quando architettò e sostenne finanziariamente la rivoluzione ucraina dell’Euromaidan.

I gruppi al soldo del magnate di origini ungheresi erano già attivi anche all’epoca della presidenza Obama e un altro documento firmato da Friends of Democracy, gestita da suo figlio Alexander Soros, spiegava dettagliatamente nel 2015 come indirizzare le proteste per la morte di Freddie Gray, un afroamericano morto in seguito a un infortunio alla spina dorsale occorso dopo che era stato arrestato dalla polizia di Baltimora.

All’arresto parteciparono anche ufficiali di colore, quindi definire questo episodio come motivato dall’odio razziale è semplicemente un controsenso, ma al deep state non importava.

Il razzismo era ed è solamente la cartina di tornasole per arrivare ad un altro scopo.

Friends of Democracy pubblicò infatti dettagliate istruzioni per i rivoltosi ai quali si diceva chiaramente che l’obbiettivo finale delle loro proteste doveva essere “l’attuazione di politiche di legge marziale.”

L’obbiettivo allora era dare alla presidenza Obama gli strumenti per reprimere qualsiasi forma di dissenso negli Stati Uniti e arrivare alla sua militarizzazione, mentre l’obbiettivo ora è destabilizzare completamente il Paese per rovesciare la presidenza Trump.

I Rothschild vogliono la fine della presidenza di Trump

La ragione per la quale il deep state non può più permettersi che Donald Trump si assicuri un altro mandato alla Casa Bianca è perfettamente spiegata in un articolo intitolato “Benedetti siano i portatori di pace” del settimanale britannico The Economist di proprietà, tra gli altri, della famiglia Rothschild.

I Rothschild sono una famiglia di banchieri tedeschi di origini askenazite fondata dal capostipite Mayer Amschel alla fine del’700.

Sono coloro che probabilmente più di tutti hanno avuto un ruolo determinante nel decidere il corso della storia europea degli ultimi 200 anni, dal momento che hanno finanziato praticamente ogni guerra scoppiata sul continente europeo dai tempi di Napoleone in poi.

Le guerre sono il business più proficuo dei Rothschild dal momento che gli hanno consentito di arricchirsi a dismisura accumulando una enorme ricchezza già nell’800.

Quando The Economist scrive occorre prestare particolare attenzione perchè sta parlando in realtà una delle famiglie più potenti del pianeta.

Nell’articolo in questione si fa l’elogio esplicito del nuovo ordine mondiale, la dottrina politica delle élite globaliste che vede assegnare un ruolo di primo piano alle istituzioni internazionali considerate gerarchicamente superiori agli stati nazionali.

Il nuovo ordine mondiale per arrivare alla sua definitiva realizzazione ha bisogno di strappare agli stati i loro residui poteri per creare una unica struttura globale governata dalle élite della finanza internazionale, come hanno spiegato anche i Rockefeller, un’altra importante famiglia di banchieri americani molto vicina ai Rothschild.

Dalla seconda guerra mondiale in poi, gli Stati Uniti sono stati senza dubbio il Paese che più ha portato avanti questo piano.

Il deep state di Washington, la palude di interessi militari – industriali che ha governato tutte le amministrazioni presidenziali, si è fatto garante indiscusso di questo progetto, intestandosi il compito di punire e attaccare i leader dei Paesi che non si allineavano a questo progetto.

Salvador Allende e Slobodan Milosevic sono solo due tra i numerosi esempi di leader di Paesi stranieri che sono stati rovesciati e destituiti dalla macchina di intelligence e militare costituita dalla CIA e dalla NATO.

Ma per la prima volta, dal 1945 ad oggi, alla Casa Bianca ha messo piede un presidente che non ha interesse a delegare la sovranità degli Stati Uniti verso le istituzioni sovranazionali nè tantomeno al deep state di Washington.

Scrive su questo The Economist.

“L’internazionalismo liberale è ora sotto attacco da molti fronti. La dottrina di Donald Trump “Prima l’America” lo ripudia esplicitamente.”

Senza la superpotenza americana è praticamente impossibile pensare che si possa arrivare alla realizzazione finale del nuovo ordine mondiale che auspica la nascita di un unico governo globale.

Washington è stato il perno principale di tutta l’impalcatura e senza il suo sostegno l’intero disegno crollerebbe definitivamente.

Ecco perchè, per i Rothschild, Donald Trump è una minaccia più mortale persino dello stesso Putin e di Xi Jinping.

“Il più grande pericolo al momento è l’incombenza di un presidente americano che disprezza le norme internazionali, che denigra il libero commercio e che flirta continuamente con l’idea di abbandonare il ruolo essenziale nel mantenimento dell’ordine globale legale.”

Se Trump si aggiudica un secondo mandato, le élite globaliste come i Rothschild e i Rockefeller perderebbero definitivamente la possibilità di arrivare verso l’ultimo passo del totalitarismo globale che vuole il controllo completo della popolazione mondiale.

Ecco perchè in questo momento il presidente americano è il nemico numero uno di questi poteri ed ecco perchè gli USA sono stati messi a ferro e fuoco.

Il nuovo ordine mondiale vuole riprendersi la presidenza degli Stati Uniti senza la quale non si può pensare ad una governance globale.

Non c’è quindi in corso una protesta a sfondo razziale nel Paese. E’ in corso un vero e proprio colpo di Stato che sta dando vita ad una guerra civile per impedire a Trump di conquistare un secondo mandato alla Casa Bianca.

Trump è l’ultimo bastione. Se cade lui, cade probabilmente l’ultima grande barriera che può impedire il compimento di questo piano.

Se cade Trump, il nuovo ordine mondiale farà un passo decisivo verso la sua definitiva realizzazione.

Fonte: https://lacrunadellago.net/2020/06/04/soros-e-i-rothschild-vogliono-rovesciare-trump-per-arrivare-al-nuovo-ordine-mondiale/

2 thoughts on “Soros e i Rothschild vogliono rovesciare Trump per arrivare al nuovo ordine mondiale”
  1. Queste famiglie straricche ma che non ne hanno mai abbastanza per la conquista del potere si strozzeranno con le loro stesse mani!!! Perché a questo mondo quello che fai agli altri ti sarà sempre reso in maniera maggiore!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *