Emax:opinionenonrichiesta

Indigniamoci tutti, arrabbiamoci, protestiamo, ma mi raccomando facciamolo a corrente alternata.

Non per tutto mi raccomando. Indigniamoci ad esempio per i 4 milioni di riscatto pagato per la liberazione di Silvia Romano.

Ma siamo certi che sia stato realmente pagato? Si…cioè no…forse…comunque lo ha detto il fratello del cugino di mia zia, che conosce un tizio, che ha sentito dire da un suo conoscente al bar, che in una conferenza stampa uno dei sequestratori di Silvia Romano, avrebbe affermato che lo stato ha pagato!… Per cui è vero e allora Indigniamoci.

Indigniamoci tutti, perché sai quanti italiani potevamo aiutare con quattro milioni? Eh? Ma tu lo sai? Ma anche Silvia Romano è italiana, si è vero, ma si è convertita e allora non si merita il nostro aiuto.

Si giusto hai ragione, Indigniamoci, Indigniamoci anche se non sappiamo nemmeno se il riscatto è stato pagato, Indigniamoci anche se la costituzione dice che tutti gli italiani sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione. Indigniamoci e basta.

Non Indigniamoci invece per l’ospedale alla fiera di Milano, no per quello no, 600 posti letto, poi 500, poi 250 e alla fine 57, di cui solo 10 occupati, anzi no, 8 perché due pazienti sono stati dimessi.

Non Indigniamoci assolutamente per i 26 milioni di euro spesi per costruirlo, quelli a differenza del riscatto (che ricordo non sappiamo neanche se è stato pagato) della Romano, sono soldi ben spesi.

Ben 26 milioni che divisi per 8 pazienti, fanno ben 3.250.000 euro a persona…questo non ci fa indignare? Eh no questo assolutamente no, perché noi ci indignato a comando, noi l’indignazione la proviamo a corrente alternata..una volta si e una no…ci indigniamo quando ci fa comodo, anzi quando fa comodo a “qualcuno”.

Buona indignazione “alternata” a tutti.

By EMAX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *