In questo periodo particolare, dove la pandemia sta veramente mettendo in crisi l’economia mondiale, un amico ci ha scritto una poesia sull’importante ripartenza del calcio.

Grazie dei fiori

 

‘‘Grazie dei fiori…e addio’.

Così canteremmo fosse stata Nilla,

ma trattandosi di Lotito

dobbiamo cambiare e recitare

‘Grazie dei fiori a Lotito, grazie dei fiori

a Tare’.

 

Eh si, proprio il loro affetto per la P.A.

ci ricorda che grazie al calcio

Lotito, Tare e buon ultima sig.ra Meloni

l’erario incassa tanti, tanti soldoni.

             

E cambia la letteratura italiana poiché

questo calcio s’ha da…dare.

E allora diamoglielo, questo calcio.

Senza pena e senza timore. E addio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *