La scossa di magnitudo 6.1, ha causato la morte di una bambina e due adulti e il ferimento di 200 persone

 

Una forte scossa di terremoto in Giappone, vicino a Osaka, secondo un primo bilancio ancora da definire ha provocato almeno tre vittime, tra cui una bambina, e circa 200 feriti. La scossa è stata registrata intorno alle 8 del mattino ora locale (mezzanotte in Italia): le scuole sono state chiuse, e buona parte dei trasporti pubblici sono rimasti paralizzati. Le immagini diffuse dagli utenti sul web mostrano la forza del terremoto – di magnitudo 6,1 – che ha scosso la seconda città del Giappone per numero di abitanti.

Il rischio tsunami è stato da subito escluso dalle autorità e gli impianti nucleari nell’area stanno funzionando normalmente. Il Giappone si trova in una regione particolarmente colpita: circa il 20 per cento dei terremoti di magnitudo 6.0 o superiore si verifica qui.

 

Una bambina è rimasta uccisa dal crollo del muro di una scuola, un anziano è morto per il crollo di una parete e una terza persona è morta in casa in seguito alla caduta di una libreria. Circa 170.000 case sono state lasciate senza elettricità e le forniture di gas a più di 100.000 case sono state fermate, secondo quanto riportato dal Japan Times.

 

Sia gli Shinkansen ad alta velocità che i treni locali hanno sospeso le operazioni durante la mattinata, mentre diverse piccole scosse di assestamento hanno seguito il terremoto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *