La band inglese scende in campo per intrattenere idealmente i fan in tempo di quarantena. La proposta per quattro settimane. La prima esibizione venne registrata il 20 ottobre 1994 all’Earls Court Exhibition Centre di Londra

La musica online a sostegno di chi è costretto a casa per cercare di scongiurare il contagio da coronavirus. Sono scesi in campo anche i Pink Floyd che, per intrattenere i fan, hanno scelto di rendere disponibili online, su Youtube, alcuni dei loro concerti storici. E lo faranno per quattro settimane.

 

A partire da oggi, 17 aprile, con lo streaming di Pulse, ovvero il film concerto del 1995 che documenta  il concerto tenuto dal gruppo il 20 ottobre 1994 all’Earls Court Exhibition Centre di Londra, durante il The Division Bell Tour. In scaletta i brani tratti dall’album The Division Bell e la riproposizione integrale dell’album The Dark Side of the Moon, che sarà poi ripubblicato nel secondo disco del doppio album successivamente pubblicato. I Pink Floyd suonarono all’Earls Court di Londra per 14 serate di fila.

Durante il concerto, al termine della canzone On the Run, un aereo attraversa la platea per poi schiantarsi al lato del palco; poi, durante One of These Days, compaiono due giganteschi pupazzi rappresentanti dei maiali (idea già utilizzata dal gruppo nel tour di Animals). Durante l’assolo alla chitarra di David Gilmour su Comfortably Numb, una sfera ricoperta di specchi calata al centro dell’arena viene illuminata da potenti fari, per poi aprirsi come un fiore.

Fonte: https://www.repubblica.it/pinkfloyd

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *