In tanti si pongono una domanda. Perché il coronavirus non ha aggredito la Campania o il sud in generale? La fortuna non c’entra nulla. Proviamo a fornire una spiegazione.

La prima ragione è quasi scontata: la Campania ha avuto la possibilità di anticipare, rispetto alle regioni del Nord, le misure di lockdown. Il virus è arrivato dopo. E il blocco totale ha rallentato la diffusione dell’epidemia. Ma non è solo una questione di tempo. Ci sono altri due fattori che sono decisivi nella guerra (quasi vittoriosa) contro il “mostro”.

La bravura dei medici campani: la professionalità dei camici bianchi e la straordinaria capacità di adattarsi alle situazioni di difficoltà sono state fondamentali. I medici campani quasi tutti giorni (non solo al tempo del coronavirus) sono costretti a lavorare in condizioni di precarietà. Tra posti letto che mancano e presidi ospedalieri assaltati. Gestire una fase di emergenza è quasi la normalità negli ospedali campani. Questo ha permesso al personale medico di non collassare.

Di controllare bene gli accessi e gestire alla perfezione la carenza di posti letto. C’è poi un’altra spiegazione che ha inciso sul numero bassissimo dei deceduti: una solida rete familiare, che in Campania al contrario del nord, sopravvive. Raramente in Campania gli anziani vengono consegnati alle case di riposo. Ma genitori e nonni continuano a vivere con figli e nipoti. Questo ha consentito di non avere la strage nelle case di riposo.

Una combinazione di tre fattori avvicina la Campania alla vittoria. Non chiamatela fortuna.

Fonte: https://www.anteprima24.it/napoli/campania-medici-bravi-rete-familiare-solida/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *