Dolores O’Riordan , ultima di sette fratelli, Dolores Mary Eileen O’Riordan nasce a Ballybricken (Irlanda) il 6 settembre 1971. L’infanzia di Dolores O’Riordan è tutt’altro che semplice. Da piccola fece subito i conti con una realtà dura che avrebbe segnato in modo indelebile il suo carattere i suoi testi e la sua musica. Cresciuta in una famiglia che fatica ad arrivare a fine mese anche a causa della malattia del padre, per anni è vittima di violenze sessuali da parte di un amico di famiglia. Per questi motivi avrebbe presto fatto i conti con l’anoressia e con una grande fragilità interiore. Da qui la personalità combattuta e controversa della cantante. La sua vita sarebbe cambiata grazie a un annuncio su un giornale locale firmato dai fratelli Noel e Mike Hogan, alla ricerca di un cantante per la loro band dopo che Niall Quinn aveva deciso di lasciare. Sembra che i due fossero abbastanza scettici di fronte alla ragazza fragile che si presentò al provino con il trucco pesante ma incerto. Poi partì la musica e lei iniziò a cantare. L’esito di quel provino è cosa nota.

Entra a far parte del gruppo musicale “The Cranberry Saw Us” nel 1990 come cantante; la formazione cambierà poi nome in “The Cranberries”.

Talento & Tormento: Dolores O’Riordan – The Cranberries

Il 18 luglio 1994 si unisce in matrimonio con Don Burton, il tour manager dei Duran Duran. Dopo tre anni di matrimonio nasce Taylor Baxter Burton, il primo dei tre figli di Dolores O’Riordan. Il matrimonio con Don Burton termina dopo venti lunghi anni di relazione e tre figli (Taylor, Dakota e Molly). Dopo la separazione dal marito Dolores O’Riordan iniziò una relazione con il musicista Ole Koretsky ma cadde nuovamente in depressione e fu costretta ad abbandonare le scene pubbliche. Il tour dei Cranberries del 2017 fu interrotto ufficialmente a causa di un problema alla schiena della cantante, che invece, come avrebbero poi raccontato le persone a lei vicine, era distrutta dal dolore e aveva cercato una via di fuga nell’alcol.

Dolores partecipa alla realizzazione di quattro album dei Cranberries, “Uncertain EP” (1991), “Everybody else is doing it, so why can’t we?” (1993), “No need to argue” (1994) e “To the faithful departed” (1996). Si racconta che la cantante abbia scritto Zombie, diventato uno dei principali cavalli di battaglia della band, in soli venti minuti.

 

In pochi sanno che il brano è dedicato al bambino di quattro anni tragicamente morto nel 1993 a Warrington (Inghilterra) in seguito a un attentato dell’IRA, gruppo separatista dell’Irlanda del Nord. La canzone, quasi al pari di Imagine di John Lennon, è diventato un inno dei gruppi pacifisti.

La carriera di Dolores prosegue con il nuovo album “Bury the Hatchet” (1999); dopo il tour che segue il disco festeggia la nascita della figlia Molly Burton (27 gennaio 2001, data che coincide con il compleanno del marito Don). Dopo altre due pubblicazioni, “Wake up and smell the coffee” e la raccolta di successi “Stars – The Best of 1992 – 2002”, nel 2003 la band si scioglie; la notizia non suscita troppo clamore anche per l’assenza totale di una dichiarazione ufficiale.

Dopo tredici anni di dedizione al gruppo, la prima occasione in cui compare il nome di Dolores O’Riordan come artista solista è nella colonna sonora del film “Spider-Man 2”, con la sua canzone “Black Widow” (composta in occasione della morte per cancro della suocera).

Nel 2004 compare come ospite nell’album “Zu & Co.” dell’italiano Zucchero, con la canzone “Pure Love”, il 10 aprile 2005 nasce un’altra bambina, Dakota Rain Burton (cui dedicherà la canzone “Ordinary Day”).

Tra le sue partecipazioni vi sono un duetto con Luciano Pavarotti e l’incisione dell’Ave Maria di Schubert (cantata a cappella) per la colonna sonora del film “La passione di Cristo”, di Mel Gibson.

Dolores compare inoltre nel film di Adam Sandler “Cambia la tua vita con un click” (2006), interpretando se stessa e cantando la sua “Linger”.

Album solisti
Il suo primo album da solista esce nel 2007 e si intitola “Are you listening?”. Il secondo disco solista di Dolores O’Riordan si intitola “No Baggage”, e viene pubblicato verso la fine del mese di agosto 2009. Quest’ultimo contiene dieci brani inediti più una nuova versione di “Apple of My Eye”, canzone contenuta nell’album precedente. L’album viene anticipato a giugno dal singolo “The Journey”.

A partire dal 18 ottobre 2013 è uno dei giudici del talent show The Voice edizione Irlanda. Dopo tre figli e vent’anni di vita insieme, divorzia dal marito Don Burton nel 2014. Il 10 novembre dello stesso anni viene arrestata presso l’aeroporto di Shannon, in Irlanda, per aver aggredito una hostess e un poliziotto, evitò la galera per il disturbo bipolare da cui era affetta e difficoltà di tipo alimentari,  più precisamente problemi di anoressia.

In passato aveva fatto abuso di alcol ed è stata terribilmente depressa al punto che, secondo quanto riporta la testata Tmz, la cantante nel 2013 avrebbe tentato di togliersi la vita. Ma i suoi problemi psicologici avevano origini molto remote …  quando Dolores aveva meno di 10 d’anni, venne abusata da una persona amica di famiglia. Questo episodio lo ha raccontato proprio l’artista nel 2013 in un’intervista ad un giornalista del Belfast Herald:

Ero solo una bambina … e quando hai delle figlie diventa ancora più difficile perché rivivi i flashback quando sei con loro e li guardi. Ti chiedi come sia possibile trarre soddisfazione in qualche modo

Dolores O’Riordan muore improvvisamente a Londra – dove si trova per una sessione di registrazione – il 15 gennaio 2018, all’età di 46 anni. La causa della morte, secondo quanto riportato dal professor Adam Combe e dai medici, Dolores O’Riordan è morta annegata nella vasca da bagno della camera 2005 dell’hotel Hilton a Park Lane di Londra, con la faccia rivolta verso il basso e intossicata dall’alcol, i livelli nel suo corpo erano di 330 mg per 100 ml di sangue, più di quattro volte superiori al limite legale per la guida (80 mg).

Il medico legale Shirley Radcliffe in merito al caso ha dichiarato: “Non esistono prove che questo sia stato qualcosa di diverso da un incidente. Non c’era l’intenzione, la sua morte sembra essere solo un tragico incidente“.

Stando ai successivi esami svolti sul corpo della cantante, sembra che la causa della morte di Dolores sia stata un’overdose volontaria di Fentanyl, un analgesico a base di oppio. Lo stesso che ha portato alla morte un altro grande della musica, Prince.

Mr. Wilson

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *