A Castano Primo c’è un bosco lungo il canale Villoresi dove da tempo gli anziani si ritrovano per giocare a carta con tavolo e sedie. In sei nonostante i divieti avevano continuato ogni mattina presto

Pandemia o no, gli appassionati di briscola di Castano Primo (nell’hinterland milanese) non volevano rinunciare alla loro partita a carte quotidiana: sei pensionati di età compresa tra i 65 e i 75 anni si ritrovavano nelle prime ore del mattino nei boschi lungo il canale Villoresi, in una postazione ad hoc, con tavolo e sedie. Il tutto in barba alle disposizioni per arginare la diffusione del coronavirus.

Per incontrarsi, raccontavano alle famiglie di dover andare a fare la spesa, a comprare il giornale o altre scuse simili. Ma la loro presenza è stata notata da vari cittadini, allertati dalle urla dei giocatori, che più di una volta si sono lasciati prendere dalla foga della partita e hanno alzato la voce. Così è intervenuta la Polizia locale.

“Sono molto attivo sui social network e quindi ho subito ricevuto le segnalazioni delle persone che li avevano sentiti e visti – spiega il sindaco Giuseppe Pignatiello – Quel ritrovo lungo il Villoresi è molto conosciuto qui a Castano. La postazione rimane sempre allestita ed è frequentata tutto l’anno, estate e inverno. Nei mesi più freddi gli anziani si attrezzano anche per accendere un fuoco e riscaldarsi. Avevamo spiegato chiaramente che in questo periodo nessuno ci sarebbe dovuto andare, ma non è bastato, quindi ho mandato la Polizia locale a transennare tutto”.

Gli anziani giocatori di carte non indossavano neppure le mascherine: “Credo non si rendessero conto dei rischi che stavano correndo – commenta il primo cittadino – Un atteggiamento irresponsabile per cui in un primo momento mi sono molto arrabbiato. Poi ho pensato che, se la situazione non fosse così grave, ci sarebbe quasi da ridere”.

Pignatiello racconta che “in condizioni normali, avevo sempre incoraggiato quel momento di socialità e aggregazione, perché so benissimo quanto sia importante per le persone di una certa età. Mi capitava spesso di passare da lì quando andavo a correre e mi fermavo a salutarli, ma ora le cose sono cambiate ed è importante che anche queste persone se ne rendano conto”

Gli indisciplinati giocatori di briscola non sono stati multati perché gli agenti della Polizia locale non li hanno colti sul fatto, ma l’avvertimento è arrivato forte e chiaro: “Sono convinto che abbiano finalmente imparato la lezione – dichiara Pignatiello – Negli ultimi giorni sono rimasti a casa. Per tornare alla normalità, servono la collaborazione di tutti e il rispetto delle regole”.

Intanto i vigili di Castano Primo hanno ulteriormente intensificato i controlli: “Proprio ieri sono stati fermati e sanzionati un runner che faceva jogging ben oltre i 200 metri dalla sua abitazione e un uomo residente in un altro comune della zona che stava andando in edicola a comprare delle figurine da collezione – conclude il primo cittadino – Odio doverlo fare, ma se la situazione lo richiede non ho paura di usare la mano pesante per tutelare la salute di tutti”.

Fonte: https://milano.repubblica.it/cronaca/2020/04/05/news/coronavirus_anziani_nel_bosco_partita_a_briscola_castano_primo-253206497/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *