Nella giornata di Martedì scorso è stata raggiunta l’intesa con la Regione Lazio, le OO.SS. e le Associazioni Datoriali, per l’accordo quadro sulla cassa integrazione in deroga. Per dare risposte tempestive ai lavoratori e alle lavoratrici in questa fase di emergenza.

Come stabilito dal decreto di riparto, la conferenza Stato-Regione ha destinato al Lazio circa 145 Milioni di Euro per la Cassa Integrazione in Deroga. L’assessore al lavoro, Claudio di Berardino, ha assicurato che questa disponibilità economica è solo una prima dotazione finanziaria. Siamo tutti impegnati affinché il Governo stanzi il prima possibile ulteriori risorse per garantire reddito a tutti i settori.

In questo momento difficile nessun lavoratore deve rimanere solo, nessun lavoratore deve perdere il salario, nessun lavoratore deve perdere il lavoro e nessuna azienda deve chiudere.

La durata del trattamento di Cassa in Deroga, può avere una durata massima di 9 settimane, anche non continuative, e può essere riconosciuta retroattivamente a far data dal 23/02/2020.

Per la prima volta possono accedere alla Cassa Integrazione in Deroga anche i lavoratori dell’Agricoltura a tempo determinato e della Pesca.

Per i lavoratori agricoli, il trattamento di CIG in Deroga, per le ore di riduzione o sospensione delle attività, nei limiti ivi previsti, è equiparato ai fini del calcolo delle prestazioni di disoccupazione agricola.

Tenuto conto che per il settore agricolo il riferimento per la determinazione dei periodi di lavoro è la giornata, il trattamento di CIGD, limitatamente ai lavoratori del settore agricolo, è fruibile nei limiti delle 54 giornate (9 settimane previste dal decreto, per 6 giorni in caso di settimana lavorativa di 6 giorni) o di 45 giornate (per settimana lavorativa di 5 giorni), calcolati in rapporto alla differenza tra le giornate effettivamente lavorate e quelle complessivamente lavorabili, nel periodo previsto dal 23 febbraio al 23 di agosto 2020, anche in riferimento a periodi di lavoro, (da considerarsi in giornate di lavoro) non continuative (oltre alle 600 € erogate di Bonus INPS).

Sono beneficiari del presente accordo i pescatori, anche delle acque interne, imbarcati a qualunque titolo e/o iscritti a ruolino d’equipaggio. Le domande di accesso alla CIGD si riferiscano non solo alle ore lavorate ma, alle giornate. I periodi per i quali verrà chiesto il trattamento di CIG in Deroga potranno essere anche non continuativi.

Vigileremo affinché venga garantito ai lavoratori l’erogazione della Cassa in Deroga in tempi brevi, al fine di garantire il reddito ai lavoratori già fortemente compromesso e di garantire un po’ di serenità in questo momento emergenziale e difficilissimo.

 

Il Segretario Generale
FAI CISL LAZIO

Claudio Tomarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *