Le tabaccherie potranno decidere di rimanere chiuse o di ridurre il proprio orario a causa dell’emergenza coronavirus.

Tramite una comunicazione ufficiale, l’Ufficio dei Monopoli ha fatto sapere che per l’emergenza coronavirus le tabaccherie potranno rimanere chiuse. In alternativa potranno rimodulare i propri orari in modo da avere garantita una maggior flessibilità.

Il testo firmato dal direttore Minenna spiega che i titolari potranno chiudere il loro esercizio o ridurre l’orario anche laddove non sussistano accertati profili sintomatici o patologici. Qualora si decidesse di sospendere la propria attività, bisognerà darne comunicazione all’Ufficio dei Monopoli territorialmente competente. Sarà inoltre necessario mettervi a corredo un’autocertificazione che provi la “sussistenza di motivi precauzionali di protezione della salute pubblica collegati all’emergenza sanitaria. Oppure di esigenze riguardanti l’esercente o i suoi prossimi congiunti o conviventi“.

La nota specifica inoltre che se il rivenditore è fornito di un distributore automatico, dovrà fare in modo che questo funzioni in modo corretto e tempestivo.

Altrimenti indicherà con un avviso dove si trovano le rivendite più vicine. I giorni di chiusura saranno considerati come chiusura per forza maggiore.

I punti vendita che decideranno di rimanere aperti potranno seguire l’orario normale o, dopo averlo comunicato ai Monopoli, uno ridotto. In tal caso però dovranno garantire un minimo di cinque ore di apertura giornaliere. Anche qualora il titolare scelga di rimodulare il proprio orario dovrà compilare un’autocertificazione che attesti le indifferibili esigenze legate all’emergenza sanitaria che lo obbligano a ridurre l’orario.

 

Fonte: https://www.notizie.it/cronaca/2020/03/17/coronavirus-tabaccherie-chiuse/?refresh_ce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *