I dispositivi erano stati acquistati da aziende italiane ma i Paesi in cui sono state prodotti e, in alcuni casi, quelli di transito le hanno bloccate e destinate al loro mercato. Il ministro degli Esteri: “Inaccettabile”

Oltre 19 milioni di mascherine acquistate all’estero dall’Italia, per far fronte all’emergenza coronavirus, sono state requisite da altri Paesi. Si tratta mascherine Ffp2 e chirurgiche. I dispositivi erano stati acquistati da aziende italiane e sarebbero dovute arrivare nei prossimi giorni ma i Paesi in cui sono state prodotti e, in alcuni casi, quelli di transito, ne hanno bloccato l’arrivo, sequestrandoli e destinandoli al loro mercato.   Segui gli ultimi aggiornamenti sull’emergenza coronavirus in Italia cliccando qui

Di Maio: “Sbloccata esportazione di mascherine da Germania e Francia” – Ci sono, però, anche buone notizie. “Vi comunico che è stata sbloccata l’esportazione, dalla Germania e dalla Francia, di mascherine, tute e schermi facciali”. Lo ha annunciato, su Facebook, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. “Siamo impegnati a tutelare la salute dei nostri cittadini e in questa fase, più di prima, è fondamentale la collaborazione tra gli Stati”, ha sottolineato. “Siamo davanti a una crisi che riguarda tutti, in Italia e all’estero. Se rimaniamo uniti possiamo farcela”, ha concluso di Maio.

“Inccettabile lo stop a materiale medico destinato all’Italia” – In materiale al materiale ancora bloccato, Di Maio ha definito “inaccettabile”, lo stop di materiale medico destinato al nostro Paese. “E’ inaccettabile che materiale medico venga fermato per strada. Non è accettabile che quanto stanno importando le nostre aziende si blocchi nelle dogane di altri Stati e venga requisito, noi siamo stati un Paese solidale che ha aiutato tutti”, ha detto il ministro. 

Zaia: “Pronti a produrle in proprio” – E vista la situazione, il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha detto: “Siamo pronti a produrre mascherine sanitarie in proprio ma ci serve un’autorizzazione che spero sia al’interno del Decreto che verrà approvato dal governo”.  La crisi da “mascherine” per Zaia è dovuta anche al fatto che non ce ne sono e anche quando vengono ordinate “lungo il viaggio diminuiscono perché gli scatoloni, che a volte arrivano vuoti, passano per altri Paesi che ne hanno necessità”. 

Se lo avessimo saputo a novembre…” – “A noi servono mascherine, respiratori meccanici ed ossigeno a fronte di un mercato asfittico”, ha detto Zaia. “Se a novembre ci avessero detto realmente a che cosa andavamo incontro invece di parlarci di semplice influenza, avremmo avuto tutto il tempo di dotarci del necessario come stiamo facendo adesso reperendo i respiratori, ce ne sono giunti di nuovi dalla Protezione civile, di cui abbiamo estremo bisogno”, ha aggiunto. 

https://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/coronavirus-19-mln-di-mascherine-per-litalia-bloccate-da-altri-paesi_16184369-202002a.shtml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *