Coronavirus, casi sospetti a Viterbo. Una ragazza di 23 anni, studentessa statunitense in città per il programma di studi Usac, è stata trasportata questa mattina all’ospedale Spallanzani per essere sottoposta al tampone. La studentessa, tornata da Venezia pochi giorni fa, averebbe presentato sintomi influenzali, come febbre e tosse. Ha così seguito le procedure previste in caso di rientro da zone a rischio del nord Italia, e ha chiamato il 118. I sanitari dell’Ares hanno valutato l’opportunità di trasportarla al centro di riferimento romano per il contagio. La giovane non sarebbe passata prima per l’ospedale di Belcolle, nel capoluogo; alloggerebbe alla casa dello studente. Al momento, si attendono i risultati degli esami allo Spallanzani per verificare se la 23enne possa essere positiva al Covid-19.

Oltre alla ragazza citata ci sono stati altri due casi, sempre sospetti, di padre e figlio, che alle 14:30 sono arrivati al pronto soccorso dell’ospedale di Belcolle, anche loro sono stati nei giorni scorsi nella zona rossa, provenienti da Ronciglione, che dopo una visita al nosocomio sono stati trasferiti allo Spallanzani per le verifiche del caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *