«L’ho ammazzata, le ho strappato la borsa. C’ho rivestito la maschera». Così cantava Junior Cally, il rapper romano che sarà in gara a Sanremo 2020. La rivendicazione di un  femminicidio. E meno male che doveva essere il festival delle donne – nelle intenzioni di Amadeus – dieci «bellissime» accanto al conduttore, di cui una bravissima a stare un passo indietro al suo uomo, Francesca Sofia Novello, fidanzata di Valentino Rossi. Il festival ancor prima di cominciare fa l’elogio delle “invisibili” e porta sul palco la star dell’hip hop che umilia – nei suoi testi – le donne. Come se non bastasse la gaffe sessista di Amadeus.

 

 

Nel videoclip di “Strega” (brano di Cally del 2017) si vede il cantante mascherato insultare una donna legata mani e piedi a una sedia, con un sacchetto in testa. Lei cerca di liberarsi, lui la offende minaccioso, «si chiama Gioia perché fa la tr….». L’ammazza, come canta, e le strappa la borsa.

I testi delle canzoni del rapper con la maschera sono pieni di insulti sessisti e di odio nei confronti delle donne. «Puttana qua non esci viva», e ancora  «queste puttane con le Lelly Kelly», «tutte ‘ste tro…possono chiamarmi mostro del Circeo», «stupro mia nonna dentro a un bosco»: in una sola canzone,  #Regola1. E ancora: «State buoni, a queste donne alzo minigonne»; «me la ch.. di brutto mentre legge Nietzche; lo prende con filosofia», da “Arkham”.

Al festival delle donne ci sarà anche Cally che le donne, nelle sue canzoni, le ha aggredite in tutti i modi. Il rapper mascherato sarà in gara a Sanremo con “No grazie”, una critica a Salvini e Renzi. Lui dice, «non giudicatemi per il mio passato ma per il presente», si riferisce alla sua storia pesante che l’ha portato anche in galera, «ho fatto una bravata e l’ho pagata». Il passato è fatto anche di testi volgarissimi che in tantissimi hanno ascoltati e continuano ad ascoltare, e dopo Sanremo saranno molti ma molti di più.

Cento milioni di streaming, oltre 380mila followers su Instagram, Antonio Signore, questo il suo vero nome, ha 28 anni. Come racconta nella sua biografia “Il principe. È meglio essere temuto che amato”, cresce nella periferia romana e, da adolescente, gli viene diagnosticata una presunta leucemia, diagnosi sbagliata con cui convive 4 anni e che lo segna così tanto da causargli un disturbo ossessivo compulsivo della personalità. «Non voglio far pena a nessuno, ma voglio far capire a tutti quelli che mi seguono, che la mia vita non è stata tanto diversa dalla vita condotta dalla maggior parte degli italiani. Io sono uno di voi e continuerò a lottare per cambiare le regole»

In un’intervista ha spiegato perché indossa la maschera. «Non mostrando la faccia, non posso essere attaccato e giudicato, se non per la musica». Appunto.

La migliore soluzione è quello di non vedere San Remo, la Rai e tutta la TV spazzatura che giornalmente ci viene proposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *