Per fare un evento a Natale non serve Vittorio Sgarbi o Filippo Rossi, serve cuore e coraggio.

Cuore e coraggio che hanno dimostrato di avere un gruppo di cittadini viterbesi, e non, con tanta voglia di fare e di non lasciare una città senza le sue luminarie di natale, con tutte le attrazioni per la felicità dei bambini. Infatti quest’anno si è raggiunto un livello altissimo grazie al coraggio e l’unione di persone che hanno preso in mano la situazione quando tutto sembrava perduto.

Vogliamo ringraziarli per aver avuto l’audacia e non aver mollato nonostante le difficoltà, grazie per aver sacrificato il vostro tempo, le vostre famiglie, per averci messo tanto impegno e giusto un pizzico di follia (senza quella avreste mollato al primo intoppo) e grazie dell’amore che state dando a Viterbo.

Questa sera i cittadini hanno risposto riempiendo la piazza, come l’hanno riempita nelle due edizioni del “Carnevale Viterbese”

Questa è la Viterbo che vogliamo sincera, genuina e sobria, non ci interessano i fasti di artisti e critici d’arte che non amano neanche se stessi ma puntano solo alla visibilità.

Il Bosco del Natale, con al centro il poderoso albero, ha indossato la sua veste definitiva stasera alle ore 18.

Le luci si sono accese non appena il buio è sceso in maniera certa sui cieli viterbesi.

Il blu della notte è stato gioiosamente cancellato dalle mille luci bianche che hanno reso sfolgorante la folta chioma dell’albero.

Il bellissimo albero non è solo: a fargli compagnia, come cinque figlioletti, altrettanti piccoli abeti interamente colorati di rosso.

A Viterbo l’aria di festa era palpabile, le vie traboccavano di gente, molta del posto e tanti turisti, attirati dalle bellezze ornate in occasione delle festività.

Sulle secolari facciate dei Palazzi Comunali e della Prefettura, grazie a giochi di luce, sono comparsi una stella cometa, i fiocchi di neve e un magico villaggio natalizio, il tutto a rendere ancor più suggestiva una piazza che porta già con sé il dono della bellezza.

Piazza del Plebiscito era colma come nelle grandi occasioni, e il Sindaco Giovanni Maria Arena salutando la cittadinanza ha ricordato che “ha indossato la fascia da sindaco per valorizzare le nostre tradizioni religiose e i nostri valori, per iniziare degnamente questa festa di Natale che rappresenta la festa dei bambini e delle famiglie”.  Ha esortato i presenti a godersi i giorni che porteranno fino al Natale e festeggiare in serenità e in armonia.

Il Sindaco ha anche promesso, a nome dell’Amministrazione tutta, che si impegnerà a fare il massimo per la città.  E lo si vedrà già dall’inizio del 2020: tante cose cambieranno e miglioreranno. L’invito ai Viterbesi è a voler bene a tutto ciò che è il bene comune della nostra città, iniziando col rispetto delle sue bellezze, per andare orgogliosi della nostra Viterbo”. 

Ad accompagnare il sindaco, l’assessore alla cultura Marco De Carolis che ha espresso la propria felicità nel poter condividere con i cittadini questo momento ed ha sottolineato la novità della cerimonia dell’accensione in Piazza del Plebiscito con queste parole “Una piazza dove ci sono tante luci che colorano la nostra città e il nostro capoluogo. Da qui in avanti le iniziative che verranno fatte dall’amministrazione sono tante. E sono tante quelle fatte dagli operatori culturali che per la prima volta hanno collaborato insieme per condividere il Natale”. 

L’assessore ha successivamente dato appuntamento alla mezzanotte del 24 dicembre, momento in cui verrà posizionato Gesù Bambino nel Presepe.

Viterbo, anche quest’anno avrà il suo concerto di Capodanno che allieterà la serata di quanti vorranno godere delle piazze viterbesi.

Presenti in piazza anche il Prefetto Giovanni Bruno, la giunta, i consiglieri di maggioranza e di minoranza e il senatore Umberto Fusco.

Dopo il momento dell’accensione, accompagnato dalle note dell’allegra All I Want For Christmas Is You, che ha mosso anche i piedi più esitanti, i cittadini hanno assistito al concerto jazz con Francesca Mencaroni Quintet.   

La festa è proseguita per le vie che si dipanano dalla piazza, tutte rischiarate da eleganti luminarie e rese vivaci da bancarelle e attrazioni.

Il Natale, che aveva iniziato a fare capolino già nell’ultima settimana di novembre è iniziato oggi 8 dicembre, giorno dell’Immacolata Concezione.

Gepostet von Marco Fumarola am Sonntag, 8. Dezember 2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *