Con il 2-0 sulla Grecia all’Olimpico, la Nazionale di Mancini strappa il primato a quella di Prandelli, che aveva ottenuto il pass a 180′ dalla fine per gli Europei del 2012 e i Mondiali del 2014

Dalle macerie dello 0-0 di San Siro contro la Svezia, che escluse l’Italia dai Mondiali dopo 60 anni, alla qualificazione dei record in meno di due anni; dai primi passi stentati di Mancini c.t., con l’opaca vittoria per 2-1 sull’Arabia Saudita seguita da 5 gare senza successi, alla festa dell’Olimpico.

Grazie al successo per 2-0 sulla Grecia, il settimo in sette partite, per la prima volta nella sua storia l’Italia stacca il biglietto per una grande manifestazione – Mondiale o Europeo – con tre turni d’anticipo. Un record strappato all’era di Cesare Prandelli, che ottenne i pass per Euro 2012 e Brasile 2014 a 180′ dal termine. Perfino i campioni del mondo di Bearzot e Lippi dovettero attendere di più, nel 1982 e nel 2006: per loro la qualificazione arrivò solo alla penultima gara.

 

Fonte: https://www.gazzetta.it/Calcio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *