L’ex direttore del Tg4 deve scontare 4 anni e 7 mesi per aver favorito la prostituzione di alcune ragazze spinte a partecipare alle cene del “bunga-bunga” nella residenza dell’ex premier Silvio Berlusconi

Ha 88 anni, è malato e in carcere andrebbe incontro a una “enorme sofferenza”. Per questo Emilio Fede, condannato in via definitiva nel processo Ruby bis, sconterà la pena in “detenzione domiciliare” come deciso dal Tribunale di Sorveglianza. L’ex direttore del Tg4 deve scontare 4 anni e 7 mesi per aver favorito la prostituzione di alcune ragazze spinte a partecipare alle cene del “bunga-bunga” nella residenza dell’ex premier Silvio Berlusconi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *