La storica catena di bar salentine con 70 anni di storia pronta a varcare per la prima volta i confini regionali per apire una nuova sede nella Capitale

La data non c’è ancora, ma una cosa è certa: Martinucci aprirà prossimamente a Roma, con un punto vendita nella stazione Termini. A confermarlo è la stessa azienda, che lo comunica anche sugli scontrini consegnati ai clienti dopo l’acquisto. Ed è un punto importante, per una storia che parte dal basso Salento ed è prossima a compiere 70 anni. Martinucci, in Puglia, è sinonimo di gelato, ma in realtà è molto altro: tutto comincia infatti nel 1927, quando la famiglia Panese apre un forno accanto alla propria abitazione, a Specchia (Lecce).

Pane e dolcetti, da un lato, e nel 1940 comincia a circolare in zona il nome di Giovanni Martinucci, che da autista e stagnaio si reinventa gelataio ambulante, in giro per sagre locali. L’incontro fra le due famiglie avviene quando Rocco, l’erede di Giovanni Martinucci, sposa Annunziata Panese: dolci e gelati si incontrano, Rocco invita nel laboratorio pasticcieri da tutta Italia per carpirne tecniche e segreti. Il resto è storia: Rocco Martinucci avvia una serie di punti vendita in Salento già negli anni 60, quando muore lascia tutto ai figli che rilanciano – siamo al 1984 – con la produzione industriale di torte, semifreddi e gelato.

Martinucci adesso ha negozi in tutta la Puglia, dal Salento è arrivato nel cuore di Bari, in piazza Mercantile, ma è presente anche nelle località immancabili per i turisti, come Alberobello e Polignano a Mare. Gelati, certo, ma anche altri simboli della tradizione gastronomica leccese, come rustici e pasticciotti. Le spedizioni online permettono ai loro prodotti di raggiungere tutto il mondo, ma ora il salto di qualità è l’arrivo nella Capitale, nella stazione dei treni che è un costante susseguirsi di migliaia di passeggeri. Sarà il primo negozio Martinucci a varcare i confini della Puglia.
Fonte: https://bari.repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *