“Nel Patto per la salute ci sono tutte le battaglie che abbiamo portato avanti con costanza e determinazione. Un altro passo in più, per garantire ai cittadini il diritto alla salute in un contesto sanitario pubblico efficiente e moderno”, scrivono in una nita i deputati del MoVimento 5 Stelle commentando le proposte trasmesse nei giorni scorsi alle Regioni dal Ministero della salute.

“Gli aumenti di 3,5 miliardi al Fondo sanitario per il 2020-2021, la flessibilità dei tetti di spesa per il personale e l’abolizione del superticket. Il contenuto del nuovo Patto per la salute è la conferma che il lavoro avviato insieme all’ex ministro della Salute Giulia Grillo è nella giusta direzione”. Così in una nota i deputati e le deputate del MoVimento 5 Stelle in commissione Affari Sociali alla Camera.
 
“Ma non solo, nel documento inviato dal ministero della Salute alla Regioni scompare la clausola di salvaguardia, mentre il commissariamento viene citato solo per le Regioni con una situazione grave, con contestuale superamento del sistema dei Piani di rientro. Bene il capitolo dedicato alla ricerca e alla formazione, soprattutto dei giovani medici che devono entrare nei percorsi di specializzazione con specifiche regole rispettose della normativa europea e da concertare con il ministero. Nel Patto per la salute ci sono tutte le battaglie che abbiamo portato avanti con costanza e determinazione. Un altro passo in più, per garantire ai cittadini il diritto alla salute in un contesto sanitario pubblico efficiente e moderno”, concludono i deputati del MoVimento 5 Stelle.

 

Fonte: http://www.quotidianosanita.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *