I proprietari si erano allontanati da Lodi per una commissione, al ritorno hanno rinvenuto l’animale in una pozza di sangue

Hanno trovato il loro cane brutalmente ucciso davanti a casa, forse colpito con un forcone alla testa, e ora sono decisi ad andare fino in fondo per capire cosa sia successo e per scoprire il responsabile di un gesto così crudele. A denunciare l’accaduto sono due coniugi anziani residenti alla cascina Gambarina, a lato della provinciale 235. Ieri hanno chiamato i carabinieri, ai quali non hanno nascosto qualche loro sospetto.

«Purtroppo non possiamo puntare il dito contro nessuno in questo momento perché non abbiamo prove e rischiamo di essere a nostra volta denunciati, ma questo non è certo il primo episodio che subiamo, comprese aggressioni nei nostri confronti, e ai carabinieri abbiano raccontato ogni cosa» spiega il signor A.P.
Quando sono usciti per una commissione a Treviglio, i due coniugi hanno chiuso in casa quattro dei loro cani, tutti meticci di piccola taglia, mentre solo una femmina, Margot, ormai vecchia e quasi cieca, di 17 anni, era rimasta nel recinto all’esterno dell’abitazione. «Quando siamo tornati, due ore dopo, l’abbiamo trovata ancora lì, sdraiata in una pozza di sangue e con un buco in testa. Era stata colpita da poco, secondo me con un forcone» raccontano.

Ieri mattina sono arrivati alla cascina Gambarina, alle porte della città, anche i carabinieri della stazione di Lodi, per fare un sopralluogo e verificare con il proprietario il luogo in cui è stato trovato l’animale e come la persona (al momento sconosciuta) sia riuscita ad arrivare fino lì. Ora le verifiche sono in corso, a cominciare dalle dichiarazioni rese dai padroni. La denuncia invece è stata presentata contro ignoti.

I carabinieri ora dovranno ricostruire quanto accaduto e cercare di individuare l’autore o gli autori del barbaro e vile gesto. L’autopsia effettuata sul corpo dell’animale ha infatti confermato che Margot è morta per la ferita al cranio inferta da un forcone infilzatole con violenza.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *