In lacrime, la giovane attivista svedese per il clima ha attaccato i leader mondiali che partecipano al Climate Summit in corso al Palazzo di Vetro: “Avete rubato i miei sogni”

Greta ha attaccato duramente i leader mondiali che partecipano al Climate Summit in corso al Palazzo di Vetro. “Venite da noi giovani per avere speranza. Come osate? Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia con le vostre parole vuote, eppure sono uno delle più fortunate“, ha sottolineato la Thunberg, ricordando che “persone stanno soffrendo, stanno morendo, interi ecosistemi stanno crollando“. Greta Thunberg ha poi proseguito il suo intervendo visibilmente emozionata e in lacrime, concludendo un discorso che sta già facendo il giro del web. L’attivista ha sottolineato: “Abbiamo mostrato che siamo uniti, e che noi giovani siamo inarrestabili“, parlando a fianco del segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, e dando il via al Youth Climate Summit all’Onu, con un riferimento alle “milioni di persone in tutto il mondo, soprattutto giovani“, che “ieri hanno marciato e chiesto vere azioni sul clima“.

L’attivista svedese di Fridays for Future, arrivata negli Stati Uniti via mare accompagnata da Pierre Casiraghi, ha incontrato poche ore fa la Cancelliera Angela Merkel a margine del vertice Onu sul clima. Come si vede in un messaggio su Twitter postato dal portavoce del governo tedesco Steffen Seibert, la cancelliera si è seduta su un divanetto accanto alla giovane attivista svedese prima dei discorsi ufficiali. Le due sembrano conversare piacevolmente. Prima del vertice erano già circolate voci su un incontro tra Merkel e la ragazza che ha dato il via al movimento globale dei “FridaysforFuture. “Noi tutti abbiamo sentito il grido d’allarme dei giovani” ha rimarcato Merkel nel suo discorso al vertice, sottolineando che il pacchetto clima varato pochi giorni fa dal governo tedesco è “l’inizio di un cambiamento profondo” in atto in Germania. A detta della cancelliera, il governo tedesco intende dare il proprio contributo per arrivare “ad un’economia sostenibile e ad una vita sostenibile in tutto il mondo“. Nel suo discorso, durato 4 minuti, la cancelliera tedesca ha definito “un dovere dei Paesi industrializzati” in quanto primi responsabili degli effetti serra di “combattere il riscaldamento globale con l’innovazione, la tecnologia e il denaro“.

Chi non ha nemmeno ascoltato l’intervento di Greta Thunberg al vertice è il Presidente Usa Donald Trump: arrivato a sorpresa, ed in ritardo, al vertice Onu sul clima oggi al Palazzo di Vetro, il Presidente Usa si è perso non solo l’intervento di apertura del segretario generale, Antonio Guterres, ma anche quello della 16enne svedese che ha lanciato e sta animando il movimento globale dei giovani che esigono dai leader mondiali un’azione immediata contro i cambiamenti climatici – nonché beniamina della nuova sinistra chic e climaticamente corretta.

Nei giorni scorsi, Greta Thunberg ha incontrato ha incontrato l’ex Presidente degli Stati Uniti Barack Obama a Washington Dc ed è stata elogiata dall’esponente del partito democratico americano: “A soli 16 anni Greta Thunberg è già tra i più grandi difensori del nostro pianeta. Riconoscendo che sarà la sua generazione a dover gestire i danni del cambiamento climatico, non ha paura di spingere per una vera azione” ha sottolineato Obama su Twitter, pubblicando una foto mentre stringe la mano a Greta. “Lei incarna la nostra visione alla Fondazione Obama – ha aggiunto l’ex presidente – un futuro delineato da giovani leader come lei“.

 

Fonte: http://www.ilgiornale.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *