Una vittoria per tutti gli amanti degli animali, finalmente arriva lo stop al commercio elefanti selvatici africani destinati a zoo e circhi

Così è stato deciso durante la riunione plenaria dei Paesi membri della Cities, la convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione, riuniti a Ginevra nel loro congresso triennale

La decisione preceduta da un acceso dibattito è stata alla fine approvata con 89 voti a favore, 29 contrari e 25 astenuti pur avendo trovato la forte opposizione dello Zimbabwe e del Botswana, tra i principali fornitori di elefanti africani selvatici a zoo e circhi, che hanno tentato invano di bloccare il voto.

Il testo in cui la Cites stabilisce lo stop alla cattura di elefanti provenienti da diversi paesi del continente africano, è stato approvato dopo la revisione dell’Unione europea.

Così non sarà più possibile catturare gli elefanti selvatici africani per commercializzarli e destinarli a zoo e circhi,l’unica eccezione alla cattura sarà per l’inserimento dei grandi mammiferi in programmi di conservazione in Africa, nel loro habitat naturale, al testo è stata aggiunta una clausola che prevede che gli elefanti debbano rimanere nel loro habitat naturale, «salvo il verificarsi di circostanze eccezionali in cui il loro trasferimento in luoghi ex-situ comporti dimostrabili benefici».

Che quindi si potranno verificare degli eccezionali trasferimenti degli animali al di fuori dell’Africa, ma solo se per l’animale il trasferimento comporta dimostrabili benefici rispetto a stare nel proprio habitat, e la decisione sarà presa in consultazione con il Comitato animali Cites e il gruppo di specialisti della International Union for Conservation of Nature.

Gli elefanti africani erano già presenti nella lista delle specie protette dalla Cities, infatti era già vietato il commercio di quelli presenti nelle aree orientali, centrali ed occidentali del continente, diversa era la sorte degli elefanti che si trovano in Africa Meridionale, di cui fino ad oggi è stato possibile il commercio perché la popolazione dei pachidermi era in numero maggiore rispetto alle altre zone dell’Africa.

Secondo la Humane Society International, lo stesso Zimbabwe che si è fortemente opposto alla decisione di bloccarne il commercio, nei ultimi 7 anni ha catturato ed esportato più di 100 esemplari venduti a zoo cinesi,   Audrey Delsink direttore della fauna selvatica della divisione Africa della Humane Society International (HSI) ha commentato :

“Questa è una decisione importante per gli elefanti africani”

Fonte: https://www.positizie.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *