Decine di marce in tutto il Paese: ‘Fermate il colpo di Stato’

Il giorno della piazza, e al grido di “Fermate il colpo di Stato”. Da Londra, sull’uscio di Downing Street, a macchia d’olio in tutto il Regno Unito si é estesa la protesta contro la decisione del primo ministro britannico Boris Johnson di sospendere il parlamento da metà settembre a metà ottobre circa, ovvero a ridosso della scadenza fissata al 31 ottobre per il divorzio dall’Ue. Decisione difesa dal premier come una mossa per impedire che i negoziati con i 27 si risolvano in svantaggio per Londra. Ma una consistente fetta di britannici non ci sta e lo urla a gran voce.

Con l’appoggio dell’opposizione, anche del leader laburista Jeremy Corbyn in piazza a Glasgow. Fin dalla tarda mattinata la folla ha bloccato la zona di Whitehall a Londra, dove sorgono la gran parte di palazzi e uffici governativi. Downing Street compresa, la sede del governo britannico, davanti alla quale per tutta la giornata su un palco circondato dai dimostranti si avvicendano membri della società civile e politi, laburisti soprattutto, l’opposizione che vuole fermare il ‘colpo di mano’ di Johnson. Tutto intorno slogan come “Boris Johnson vergognati!”, cartelli e numerose bandiere europee. Il West End è bloccato, a Trafalgar Square un mega sit-in.

Scene che si replicano a Manchester, Liverpool, Birmingham, Newcastle, Bristol, York, Abardeen, Belfast. Corbyn è in Scozia, a Glasgow, e da George Square incalza: “Sono orgoglioso di essere qui con tutti voi, per dire a Boris Johnson che è il nostro parlamento”. Non ci porterai fuori (dall’Ue, ndr) senza accordo, ti fermeremo e daremo al popolo i suoi diritti, la possibilità di esprimersi per determinare il suo futuro”. Sono 32 le manifestazioni contemporaneamente indette in altrettante città. La mobilitazione è organizzata dal gruppo anti-Brexit ‘Another Europe is Possible’, con un tam tam che ha ancora una volta viaggiato sul web, e che adesso chiama ad una mobilitazione quotidiana.

 

Fonte: http://www.ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *