“Come si fa a chiudere gli occhi e dormire la notte?”. Giuseppe Crescente, 38 anni, stava pescando al largo di Mazara del Vallo, quando lunedì ha incrociato un migrante che stava annegando.

 

“Gli ho lanciato una ciambella e l’ho preso a bordo”, racconta Crescente. Secondo la ricostruzione del naufrago, era partito insieme a un altro ragazzo tunisino su una piccola imbarcazione. Nella notte tra domenica e lunedì hanno imbarcato acqua. L’altro migrante è ancora disperso, dopo due giorni di ricerche effettuate dalla capitaneria di porto.

 

Fonte: .repubblica.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *