Si è giustificato sostenendo di aver voluto “sfruttare la pausa di un trasloco in corso” per concedersi un bagno di cultura

Un tir parcheggiato vicino al Colosseo non passa inosservato. Un autoarticolato si è fermato in prossimità dell’anfiteatro nel pomeriggio. Gli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale hanno notato la motrice con rimorchio ferma con le frecce di emergenza accese si sono subito avvicinati. All’interno del mezzo non era presente nessuno: immediatamente sono stati avviati i controlli ed è stato rintracciato il conducente dell’autocarro, un cittadino di nazionalità tedesca di 27 anni, che si trovava insieme ad altre due persone.

L’insopprimibile bisogno di dare anche solo una sbirciata all’interno del Colosseo è costata cara a un autotrasportatore tedesco di 27 anni. Stregato dalla bellezza, ma decisamente indisponibile ad accostarla con il dovuto rispetto, ha pensato bene di parcheggiare il proprio autoarticolato in via di San Gregorio lasciandolo con le quattro frecce accese. Segnalava così la provvisorietà della sosta, dimostrando anche di aver subito familiarizzato con le consuetudini locali.

L’uomo, accompagnato al comando generale della Polizia Locale per le procedure di identificazione è stato denunciato per interruzione di pubblico servizio e sanzionato, oltreché per mancato rispetto del divieto di sosta, anche per l’ingresso in zona ‘Ztl merci’ privo di autorizzazione.

Si è giustificato sostenendo di aver voluto “sfruttare la pausa di un trasloco in corso” per concedersi un bagno di cultura. La presenza del bisonte della strada ha richiamato l’attenzione dei vigili. Poco dopo l’autista si è materializzato con il corredo di giustificazioni che non gli ha risparmiato la denuncia e le multe citate. Del Colosseo conserverà anche così un ricordo indelebile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *