Ci troviamo davanti ad un caso di squilibrio mentale, questa donna, Barbara Cavicchioli di circa 63 anni, è dal lontano 2007 che ha fatto della sua abitazione la casa dell’horror degli animali.

Nel primo intervento di sequestro gli trovarono animali esotici, tra cui diverse scimmie rinchiuse nel bagno, nei successivi sequestri, ritenendola un’accumulatrice compulsiva con problemi psicologici, le autorità la denunciarono per maltrattamenti di animali.

La Cavicchioli è stata condannata anche in appello per maltrattamento di animali. Tuttavia, continua a prendere cani tramite annunci in rete e sui social relativi a cani in regalo.

Nel 2014, presso l’abitazione della donna avvenne un sequestro di 120 cani e di una trentina di gatti. Tutti in condizioni pietose. Cani scheletrici, con ferite infette e che a malapena riuscivano a deambulare.

Il giorno 12.3.2018 i Carabinieri Forestali della Stazione di Poggio Mirteto congiuntamente a personale del raggruppamento CC CITES Reparto operativo SOARDA Sezione Operativa Antibracconaggio e reato a danno degli animali di Roma insieme a veterinario ASL Rieti Dott. Massimo Di Tommaso hanno effettuato un sopralluogo ispezione presso la proprietà privata della Sig.ra Cavicchioli Barbara sita in Montopoli di Sabina in Via Fontevecchia n. 45 rinvenendo circa n. 50 cani , n. 12 gatti e n. 2 cavalli, come sempre tutti in uno stato pietoso.

Nel settembre 2018 la presidente, Rita Storri, dell’associazione “Incorciamolezampe” ha annunciato con immensa gioia la sentenza della Corte di Appello di Roma dove viene confermata la condanna in appello con la dichiarazione di inammissibilità del ricorso in Cassazione presentato dal difensore dell’imputata, il primo processo di una lunga serie (ad oggi ce ne sono pendenti altri 4) a carico della signora Cavicchioli per maltrattamento di animali.

Inoltre il legale dell’associazione “Incrociamolezampe”, avv. Raffaella Sili, dichiara che chi consegnerà animali alla Cavicchioli sarà perseguibile per abbandono, visto che la pubblicazione della vicenda con nome e cognome è stata autorizzata dai Giudici dell’Appello proprio per evitare che l’imputata potesse continuare ad approvvigionarsi di animali da terzi proprietari inconsapevoli. Visto l’esito del processo e gli articoli usciti chi cederà, dunque, a qualsiasi titolo cani alla signora Cavicchioli verrà denunciato.  

Sempre la presidente dell’associazione Incrociamolezampe, Rita Storri, ci fa presente che nonostante sia stato effettuato l’ottavo sequestro, il 6 giugno scorso, la sig. Barbara Cavicchioli detiene di nuovo cani affidati da ignare persone, in tutto sono stati sequestrati più di 500 animali tra cani e gatti.

L’impegno delle istituzione e dei volontari delle associazioni è lodevole e perseverante, ma sembra non bastare, quindi, in assenza di una legge più dura per chi maltratta animali, noi non possiamo fare altro che scrivere in caratteri cubitali nome, cognome e indirizzo di questa psicopatica affinché nessuno affidi più cani a certi soggetti.

BARBARA CAVICCHIOLI

VIA FONTEVECCHIA n. 45

02034 MONTOPOLI IN SABINA

 

NON AFFIDATE CANI A QUESTA

PERSONA E COMUNQUE

TENETE BENE IN MENTE

LA LOCALITA’

 

MONTOPOLI IN SABINA

 

Chiunque abbia affidato cani a questa persona contatti immediatamente le autorità di pubblica sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *