Carabiniere ucciso a Roma, fermati due studenti americani. Il furto per comprare droga

Tragedia in pieno centro

Frequentano la John Cabot University nella Capitale. Bloccati in un hotel di lusso. Il grido di dolore della moglie di Cerciello: “Me lo hanno ammazzato”. Aveva 35 anni, lunedì i funerali a Somma Vesuviana

I sospetti degli inquirenti che indagano sull’uccisione di Mario Rega Cerciello si stanno concentrando, proprio in queste ore, su due cittadini americani già fermati e ascoltati dai carabinieri del nucleo investigativo di via In Selci: si tratta di due studenti che frequentano la John Cabot University a Roma. L’ambasciata Usa è già stata attivata. Secondo le ultime indiscrezioni, i due sarebbero coinvolti nel furto del borsello ma non nell’omicidio del vice brigadiere Cerciello. Al momento restano comunque in stato di fermo con l’accusa di furto e omicidio

Sembra che i due siano stati sorpresi in una stanza dell’hotel Meridien di via Federico Cesi, non lontano dal luogo del delitto e poi sarebbero stati trasferiti in una caserma dei carabinieri per essere immediatamente sottoposti a interrogatorio. Le persone fermate e interrogate finora sono, però, almeno quattro.

Sull’uccisione del vice brigadiere dei carabinieri Mario Rega Cerciello, 35 anni, la Procura di Roma indaga per omicidio. Titolare del fascicolo, coordinato dall’aggiunto Nunzia D’Elia, è il pm Maria Sabina Calabretta. Si tratterebbe, però, di una vicenda più complessa di un “cavallo di ritorno”: è quanto dicono gli inquirenti capitolini in merito all’uccisione del vice brigadiere dei carabinieri.

I funerali

Si svolgeranno lunedì alle 12 nella chiesa di Santa Croce in via Santa Maria del Pozzo 114 a Somma Vesuviana, i funerali di Stato di Mario Rega Cerciello, il vicebrigadiere dei carabinieri ucciso questa notte

a Roma durante il servizio. Commosso il parroco nel ricordare il carabiniere. “Ha frequentato la nostra chiesa dal battesimo fino al matrimonio – dice Casimiro Sedzimir, parroco della chiesa di Santa Croce – e il giorno delle nozze era emozionatissimo, come del resto anche sua moglie. Era un ragazzo d’oro e ogni volta che tornava da Roma frequentava la nostra parrocchia anche per accompagnare la sorella”La cronaca dei fatti

Otto coltellate per guadagnare la fuga, una delle coltellate diretta al cuore, hanno ammazzato questa notte il vice brigadiere Mario Rega Cerciello, 35 anni. E successo poco dopo le 3, quando un equipaggio della stazione carabinieri di piazza Farnese è intervenuto in via Pietro Cossa, nel centro di Roma, per un presunto “cavallo di ritorno” di una borsa, rubata poco prima da due persone di colore. Bloccati dai militari, uno dei due ha estratto un coltello con il quale ha pugnalato il carabiniere colpendolo ripetutamente. Trasportato d’urgenza al Santo Spirito, il brigadiere è morto intorno alle 4 dopo un disperato tentativo di rianimazione. Subito sono scattate le ricerche dei due aggressori, alti circa 1,80, magri, uno con felpa nera, l’altro viola, uno dei due con i capelli mesciati. Sul posto si è recata la sezione rilievi del reparto operativo e la prima squadra del nucleo radiomobile. Immediatamente è scattata la caccia ai due uomini in fuga.Mario Cerciello Rega

“Nella sua nuda essenza anche la tragedia più grande è fatta di numeri: il Vice Brigadiere Mario Cerciello Rega aveva 35 anni, era sposato da 43 giorni e 13 ne erano passati dal suo ultimo compleanno. E’ morto stanotte a Roma per 8 coltellate, inferte per i 100 euro che i 2 autori di 1 furto pretendevano in cambio della restituzione di 1 borsello rubato. In gergo si chiama ‘cavallo di ritorno'”. Lo scrive l’Arma dei Carabinieri su Facebook. “Ma quei numeri non sono freddi – continua il post -, sono il conto di un’esistenza consacrata agli altri e al dovere, di una dedizione incondizionata e coraggiosa, di un amore pieno di speranze e di promesse. E la tragedia reca la cifra più alta: l’infinito”. “Il più vivo dolore per una mancanza che affligge 110 mila Carabinieri. Il più vivo cordoglio ai Suoi cari, che stringiamo in un immenso, unico abbraccio”, conclude l’Arma.Le reazioni

Mattarella: “Confido nella rapida cattura dei criminali”
Conte: “Ferita profonda per lo Stato”
Salvini: “Bastardi, lavori forzati a vita”
Di Maio: “Momento di grande dolore per lo Stato”

 

Il secondo carabiniere

Poteva morire anche lui, e si è salvato per caso, perché ha reagito alla violenza dell’altro aggressore. Il carabiniere che era di pattuglia insieme al vice brigadiere Mario Rega Cerciello, ucciso stanotte vicino piazza Cavour a Roma ha raccontato ai colleghi e ai superiori come sono andate le cose. Lo ha fatto a caldo, immediatamente dopo l’aggressione. Questa la sua ricostruzione dei fatti. Tutto sarebbe iniziato “con un borseggio a piazza Mastai, la vittima viene derubata di borsello e cellulare, denuncia il furto ai carabinieri dopo aver chiamato il suo cellulare rubato dai due ladri e dopo aver ricevuto appuntamento vicino a piazza Cavour per la restituzione in cambio di una somma di denaro”. Poi l’arrivo dei due carabinieri in borghese e il tragico epilogo.Il dolore di Somma Vesuviana

“Questa notte un nostro concittadino, un amico, un bravo ragazzo e un degno servitore dello Stato, il vicebrigadiere dei carabinieri Mario Rega Cerciello, è stato ucciso a Roma mentre tentava di fermare due rapinatori che avevano derubato una donna”: lo scrive su Facebook il sindaco di Somma Vesuviana, Salvatore Di Sarno commentando la notizia della morte del carabiniere Mario Rega Cerciello, nato nel Comune alle falde del vulcano napoletano. “Una morte assurda – ha scritto ancora Di Sarno – che ci riempie di dolore, un giovane valente che aveva messo la sua vita al servizio del nostro Paese e credeva fermamente nel suo lavoro è stato accoltellato al cuore mentre difendeva una vittima. A nome mio e di tutta la nostra città abbraccio la moglie Rosa Maria, la famiglia di Mario e l’Arma dei carabinieri. Sono sicuro – ha concluso il sindaco di Somma Vesuviana – che i responsabili saranno assicurati alla giustizia”.Ricordo di un uomo buono

Sandro Ottaviani, comandante della stazione dei carabinieri di piazza Farnese, diretto superiore di Mario Rega Cerciello, ammazzato questa notte a Roma, ricorda cosi il suo uomo: “Mario era un ragazzo buono, un carabiniere preparato. Era una persona che pensava sempre al prossimo, sia durante i turni di servizio sia quando non indossava la divisa. Era solito fare pellegrinaggi a Lourdes e a Loreto per dare una mano alle persone che soffrono, ogni settimana. Senza dirlo a nessuno faceva volontariato. Agli ultimi donava i suoi vestiti portava loro anche la colazione. Non muore solo un valoroso carabiniere, ma un grande uomo”.

fonte:http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Carabiniere-ucciso-a-Roma-in-stato-di-fermo-due-studenti-americani-75d98cd1-7d55-4bbf-972c-eddcf69e66d6.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *