Con un’incredibile “remuntada“ l’Italia agguanta all’ultimo minuto il medagliere dei World Roller Games Barcellona 2019 che riporta lo squadrone azzurro sul tetto del mondo a rotelle.

Ed il successo, non certo casuale, arriva grazie al micidiale colpo di coda sferzato dai migliori azzurri su piazza: Francesca Lollobrigida nella maratona, Luca Lucaroni e Rebecca Tarlazzi nelle coppie artistico e Daniel Morandin e Anna Remondini nelle coppie danza – roba da quasi 50 medaglie d’oro complessive – sono stati superlativi, anzi monumentali, sbaragliando la concorrenza.
Ci andiamo a riprendere la supremazia mondiale sfilando ai colombiani, quando già stavano iniziando i festeggiamenti, quel medagliere tanto agognato che era mancato alla prima edizione di Nanjing proprio per mano della Colombia. Alla fine otteniamo la leadership anche per medaglie assolute, 63 totali, con 21 ori, 18 argenti e 24 bronzi.
Grandissimi campioni, grandissima Italia!!!

Si è conclusa nel migliore dei modi l’avventura della Nazionale italiana di pattinaggio artistico a rotelle ai Campionati Mondiali 2019, quest’anno andati in scena al Palau Sant Jordi di Barcellona, una delle tredici location che hanno ospitato la seconda edizione dei World Roller Games 2019, il grande evento a cadenza biennale che ha visto coinvolti tutti gli atleti delle discipline rotellistiche impegnati nelle rispettive rassegne iridate.

Dopo aver conquistato il titolo nelle categorie individuali, Rebecca Tarlazzi e Luca Lucaroni hanno trionfato anche nelle coppie d’artistico; i pattinatori allenati da Annalisa Marelli e Luca D’Alisera hanno scaldato il numeroso pubblico iberico proponendo una performance interpretata su un medley dei Queen, iniziata con il difficile triplo toeloop in parallelo e con il triplo twist, chiamato di livello 2. Dopo aver realizzato il sollevamento Venerucci (livello 5), i fuoriclasse si sono distinti nel triplo flip lanciato, nella precisa trottola sul tacco side by side, nella complessa sequenza di passi (livello 3), nel sollevamento con vite rovescia (livello 5).

Se Tarlazzi-Lucaroni sono il presente, la coppia medaglia d’argento formata da Alice Esposito e Federico Rossi rappresenta senza dubbio il futuro. I romagnoli seguiti da Cristina Pelli e dall’appena citato Patrick Venerucci hanno dimostrato in questo Campionato del Mondo un talento a dir poco immenso. Come già capitato nello short, anche nel secondo segmento di gara i giovani talenti hanno dimostrato una solidità e una pulizia importante negli elementi di coppia, snocciolando i due ottimi lanciati rittberger e flip impressionando nei sollevamenti Venerucci (livello 5), Laccio (livello 5) e laccio americano (livello 4) sfoderando una sinergia chelascia davvero sperare per i prossimi appuntamenti. Sporcando leggermente la prova con il doppio axel in parallelo arrivato in modo difettoso Alice e Federico hanno chiuso la gara con punteggio di 126.05 (81.95, 44.10) sfiorando quota 200 nel totale (199.33). Il piccolo infortunio di Marco Garelli in coppia con Gaia Colucci nello short ha leggermente compromesso il programma libero, contrassegnandolo con qualche imprecisione di troppo. Malgrado gli errori, grazie ai sollevamenti di qualità e una supremazia tecnica generale rispetto alla coppia spagnola quarta classificata, gli atleti hanno comunque portato a casa, al primo anno di attività insieme, una bellissima medaglia di bronzo con 90.61 (63.36, 29.25) totalizzando 150.01.

Italia protagonista anche nella danza con il terzo oro consecutivo conquistato da Anna Remondini e Daniel Morandin, maturato grazie a un commovente programma pattinato sulle intramontabili note di “Schindler’s List” costellato da elementi di rara qualità. Fatta eccezione per la sequenza di travelling, chiamata di livello 2 per via di una piccola défaillance da parte di Anna, i nostri ragazzi hanno convinto ricevendo il livello massimo nei sollevamenti stazionario, combinato e rotazionale, tutti e tre valutati con un ottimo grado di esecuzione esattamente come le sequenze in presa (livello 4) e non in presa (livello 3). Imponendosi anche sulle components gli azzurri hanno quindi blindato la prima posizione raccogliendo nel segmento 79.37 (39.16, 40.21) totalizzando 141.90 . Ad accaparrarsi l’argento sono stati i fratelli portoghesi Pedro e Ana Monteiro Walgode, oggi autori di una prova di altissimo livello con cui hanno guadagnato il miglior tecnico con 78.92 (41.23, 37.69) nel segmento per 135.91 posizionandosi davanti a Silvia Stibilj-Andrea Bassi, medaglia di bronzo dopo una prova positiva in cui, a differenza dei diretti avversari, hanno raccolto livello 3 in entrambe le sequenze di passi con un punteggio di 76.38 (38.93, 37.45) per un totale di 130.09. Possono ritenersi soddisfatti Sofia Asya Testoni e Giovanni Piccolantonio, quarti classificati all’esordio con 60.54 (27.72, 32.82) per 107.48.

La rassegna iridata è terminata con la spettacolare gara dei Grandi Gruppi vinta dal team di casa Cepa Girona, artefice del bellissimo tema “Bacterium” premiato dalla giuria con picchi di 9.9 nel contenuto artistico per un totale di 133.500 con cui ha distanziato di una lunghezza i compagni di squadra CPA Olot (“Don’t clip my wings“), medaglia d’argento con 132.900 davanti ai nostri Diamante (“Through the eyes of a child”), bronzo con 130.00. Bene i restanti gruppi italiani Royal Eagles (“Por honor“) e Show Roller Team (“Origins”), rispettivamentequarti e quinti classificati con 125.00 e 120.500.

Si conclude dunque un Mondiale trionfale per i colori azzurri. Nel primo anno con il nuovo sistema Rollart i nostri ragazzi hanno conquistato la prima posizione nel medagliere ottenendo complessivamente 13 medaglie d’oro, 10 d’argento e 12 di bronzo, guadagnando per la prima volta nella storia la vetta in tutte le gare della massima categoria.

CLASSIFICA FINALE SENIOR COPPIE DI ARTISTICO

1. REBECCA TARLAZZI – LUCA LUCARONI ITA 221.31
2. ALICE ESPOSITO – FEDERICO ROSSI ITA 199.33
3. GAIA COLUCCI – MARCO GARELLI ITA 150.01
4. ELISENDA PRAT CELMA – ARTUR BALAGUE GUELL ESP 131.49
5. ALEXIS HERBERT – ERIC MUELLER USA 71.51

CLASSIFICA FINALE SENIOR DANZA

1. ANNA REMONDINI-DANIEL MORANDIN ITA 141.90
2. ANA MONTEIRO WALGODE-PEDRO MONTEIRO WALGODE POR 135.91
3. SILVIA STIBILJ-ANDREA BASSI ITA 130.09
4. SOFIA ASYA TESTONI-GIOVANNI PICCOLANTONIO ITA 107.48
5. DANIELA FILIPA LOPES-JOSE’ PEDRO ALVES POR 101.30
6. BEATRIZ LOPEZ SOUSA-FRANCISCO SILVA POR 97.97
7. NATALIA BALDIZZONE-JORGE GRANNEL ESO 94.51
8. SABRINA MUR-BRAYAN CARRENO COL 89.08
9. MADISON KELLIS-BENSON KUAN USA 78.09
10. MIREYA SANCHEZ-LEONARDO PARRADO 76.96 COL
11. MEGGAN THOMAS-RAUIRSTH ARMFIELD AUS 49.42

CLASSIFICA FINALE GRANDI GRUPPI

1. CEPA GIRONA-BACTERIUM ESP 133.500
2. CLUB PATINATGE ARTISTIC OLOT- DON’T CLIP MY WINGS ESP 132.900
3. DIAMANTE-THROUGH THE EYES OF A CHILD ITA 130.000
4. Royal Eagles-Por Honor ITA 125.000
5. Show Roller Team-Origins ITA 120.500
6. REUS DEPORTIU-EQUALITY ESP 119.100
7. CF Sassoeiros-Now You See Me POR 103.400
8. OCCITANIA-TZYGANE 1942 FRA 98.000
9. KRC Rolling-Devoted-CHEER!!!!! NED 93.600
10. RC de Oude Molen-L’Amour NED 93.100
11. Rolling ’90-Mars One NED 86.600
12. Odivelas Show Team-Circus of Life POR 77.500

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *