Ovidio scriveva che la crudeltà sugli animali è il tirocinio della crudeltà sugli uomini.

Quel che è certo, è che l’abbandono di un cane o un gatto rappresenta il massimo esempio dell’indifferenza umana nei confronti delle altre specie viventi. Per questo è importante, ogni estate, ricordare quanto sia crudele disfarsi del proprio animali, condannandolo, il più delle volte, a morte certa. I dati sono allarmanti: la media annuale è di 130mila animali abbandonati, di cui quasi 80mila gatti e 50mila cani. Di questi, rilevano gli Animalisti italiani, l’80% muore a causa di incidenti, stenti o maltrattamenti.

A partire da oggi, l’associazione lancerà una sua campagna, con due testimonial, Edoardo Stoppa e Juliana Moreira, per dire “no” agli abbandoni. «Chiediamo un impegno concreto a tutti – dice il presidente dell’Associazione, Walter Caporale – i nostri animali devono essere sterilizzati e microchippati, perché abbiamo centinaia di migliaia di cani e gatti abbandonati nei rifugi, che attendono una casa».

“Lo Stato ha istituito un fondo per la lotta all’abbandono degli animali – dice ancora Caporale – Ma non è sufficiente per debellare questa piaga sociale. Abbiamo sostenuto il DDL #ProteggiAnimali che auspichiamo diventi legge al più presto”

 

 

Fonte: www.ilmessaggero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *