La ragazza, 15 anni, salvata dall’accendino che non ha funzionato. La madre si è rivolta a un consultorio e la famiglia è sotto protezione

Ha tentato di darle fuoco gettandole della benzina addosso, fortunatamente l’accendino che aveva in mano non ha funzionato o non è riuscito ad accenderlo. Lui, padre di origine marocchine da 22 anni residente ad Arcade, a pochi chilometri di Treviso e impiegato in una azienda della zona, non accettava che la figlia quindicenne avesse una vita come gli altri suoi amici adolescenti

Non voleva che si vestisse all’occidentale, la voleva invece più ligia ai precetti religiosi dell’Islam, alla tradizione. E dopo l’ennesima lite, per la lunghezza delle maniche dell’abito della ragazzina,  la follia: è salito nella camera della figlia con una tanica in mano, voleva bruciarle quei vestiti che aveva ancora addosso; le ha quindi gettato addosso della benzina brandendo un accendino che però ha fatto cilecca. 

L’uomo è stato arrestato per maltrattamenti dopo che la madre della giovane si è rivolta ai servizi sociali denunciando l’episodio. Madre e figlia si trovano attualmente in un centro protetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *