Paura all’interno di un Aeroflot. A bordo c’erano 78 passeggeri. Molti i feriti. Il pilota costretto ad atterrare a Mosca

Si è incendiato e le fiamme hanno invaso l’intera pista di atterraggio. Un aereo passeggeri Sukhoi della compagnia di bandiera russa Aeroflot si è incendiato ed è stato costretto ad un atterraggio di emergenza.

Il bilancio è di decine di feriti e un morto.

Il volo ha toccato terra nell’aeroporto di Sheremetevo a Mosca. Secondo quanto trapela dai media russi, i passeggeri illesi sono stati fatti uscire dal velivolo prima che prendesse fuoco del tutto. Sono stati fatti uscire con gli scivoli di emergenza. Sono scampati quindi ad un drammatico incendio, la cui colonna di fumo ha colorato i cieli moscoviti a lungo. I video online mostrano l’aereo atterrare lasciando dietro di sé una lunga scia di fiamme, come se fosse una cometa o una palla di fuoco. Poi – nonostante i soccorsi – l’aereo continua a bruciare sulla pista e si vedono alcune persone fuggire a piedi.

Video incorporato

Secondo le prime informazioni disponibili, un passeggero avrebbe notato il fuoco mentre l’aereo era in volo diretto a Murmansk e ha informato l’equipaggio. Il pilota avrebbe quindi fatto ritorno all’aeroporto a nord della capitale. Una volta atterrato, sono scattate le operazione di evacuazione dell’aeromobile che ha continuato a bruciare sulla pista. In realtà, l’aereo avrebbe tentato due atterraggi. Il primo non sarebbe andato a buon fine, mentre il secondo sarebbe riuscito. Nel toccare terra con il carrello, però, il mezzo avrebbe sbattuto anche con la parte anteriore e quindi si sarebbe incendiato.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *