Viterbo, commerciante ucciso per rapina

Gli hanno fracassato il cranio con un oggetto di metallo e una volta a terra lo hanno finito schiacciandogli la testa sotto uno scarpone. A dimostrarlo tracce di fango sul capo insieme a sangue. E’ stato ucciso così, intorno all’ora di pranzo, un uomo di 70 anni in via Emilio Bianchi, all’angolo con via San Luca, nel centro di Viterbo.

L’omicidio, secondo le prime testimonianze e i primi rilievi della polizia Scientifica, sarebbe avvenuto a seguito di un tentativo di rapina all’interno di un noto negozio di abbigliamento casual di cui l’uomo, Norberto Fedeli, era proprietario. Il 70enne non sarebbe morto sul colpo ma si sarebbe trascinato in terra lasciando una scia di sangue all’interno del locale: a trovare l’uomo in terra è stata una vicina che, vedendo il negozio ancora aperto alle 13.40, si è avvicinata ed è entrata insieme ad alcuni operai trovando Fedeli riverso in una pozza di sangue.

Una vicenda drammatica avvenuta a pochi giorni dallo stupro di una 36enne a opera di due ragazzi di 19 e 21 anni. Ad appena 20 metri dal luogo dell’assassinio si trovano le scuole dell’infanzia e primaria De Amicis e la media Tecchi, per pochi attimi l’assassinio non è avvenuto in coincidenza con l’uscita dei bambini dall’edificio. La squadra mobile della questura di Viterbo, intervenuta sul luogo, sta procedendo ai rilievi e alle indagini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *