L’uomo, un 50enne col vizio del gioco, aveva l’abitudine di rovistare tra i biglietti buttati nel cestino dagli altri avventori del locale

BARI – MOLA DI BARI – Una giornata fortunata per un uomo di Mola. È un ex pescatore, sulla cinquantina, con l’abitudine di investire una parte del suo denaro nei gratta e vinci (insomma un ludopatico), che negli ultimi mesi ha coltivato la passione per la raccolta dei tagliandini grattati e lasciati dagli altri giocatori sui tavoli dei bar o nei cestini della carta. Una passione che gli frutta qualche guadagno, visto che solitamente riesce a recuperare, a volte 5 euro a volte 10, quando è fortunato anche 20 euro.

Questa volta, però, la dea bendata ha voluto fargli un grandissimo regalo. L’uomo infatti ha raccolto nella stazione di servizio di via Bari un biglietto della Lotteria istantanea e quando ha controllato i numeri vincenti si è reso subito conto che ce n’era uno che si ripeteva. L’uomo non ci poteva credere. Associata a quel numero, infatti, c’era una vincita importante, ben 100mila euro che uno sbadato giocatore non aveva grattato bene e aveva buttato in un cestino del bar della stazione di servizio, lasciando al destino la sua fortuna. Un vero colpo, di quelli che non cambiano la vita, ma aiutano ad acquistare un po’ di serenità a quest’uomo, un ex pescatore, popolare al mercato ittico, rimasto senza lavoro.

La casistica: sono tante le persone che abitualmente passano in rassegna i tagliandi gettati nei secchi dei bar e delle ricevitorie di Mola. Il fortunato vincitore ha notato che molti giocatori nella foga di grattare non si rendono conto che ci sono i numeri fortunati. In questo caso alcuni chiedono di passarli al lettore per verificare che effettivamente non ci siano vincite, tanti invece li gettano in pochi minuti. Così accade, abbastanza spesso, che qualcuno trovi sui biglietti cestinati come perdenti i numeri per riscuotere la vincita. Solitamente non superano i 20 euro, a volte però ci sono anche premi più ricchi.

Fonte: https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *