Una proposta di legge destinata a fare discutere quella a firma del leghista Alessandro Morelli, presidente della commissione Trasporti alla Camera.

Almeno una canzone italiana su tre in tutte le radio nazionali. E’ quello che chiede infatti il Carroccio per promuovere la nostra tradizione.

Questa proposta di legge sembra scaturire dopo le polemiche, a quanto pare ancora accese, seguite alla conclusione del festival della canzone italiana di Sanremo, in cui il vincitore è stato Mahmood.

“La sua vittoria – dice Morelli – dimostra che grandi lobby e interessi politici hanno la meglio rispetto alla musica. Io preferisco aiutare gli artisti e i produttori del nostro Paese attraverso gli strumenti che ho come parlamentare. Mi auguro infatti che questa proposta dia inizio a un confronto ampio sulla creatività italiana e soprattutto sui nostri giovani”.

Il testo della proposta di legge, oltre a chiedere di dedicare all’Italia un terzo della programmazione musicale, auspica una quota “pari almeno al 10% della programmazione giornaliera italiana riservata agli artisti emergenti”. E affida la vigilanza all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni”, che può “disporre la sospensione dell’attività radiofonica da otto a trenta giorni” in caso di “reiterata inosservanza”.

Secondo gli ultimi dati, citati da Morelli, nelle dieci emittenti radiofoniche più ascoltate in Italia la quota media di repertorio italiano è inferiore al 23 per cento, con alcuni casi limite di emittenti (specializzate e non) in cui tale quota è uguale o inferiore al 10 per cento. Una proposta che richiama altri esempi in Europa, come il sistema delle “quote”, già impiegato da molto tempo in Francia, dove dal 1994, con l’approvazione della legge Toubon sull’uso e la promozione della lingua francese in tutti i contesti, le radio transalpine sono obbligate a trasmettere musica francese per una quota pari almeno al 40 per cento della programmazione giornaliera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *