Ieri pomeriggio, in modalità online per le criticità legate alla emergenza sanitaria in corso, si è tenuto il Consiglio Di Istituto.

Tra i pochi punti all’ODG la riconferma dell’orario esteso su cinque giorni, dal lunedì al venerdì, dal prossimo anno scolastico.

Formulazione oraria che era già stata approvata e deliberata precedentemente dal consiglio stesso.

La Dirigente Scolastica ha portato alla attenzione dei partecipanti i risultati degli incontri avuti con la amministrazione comunale e gestori linee trasporto alunni.

Concordando con gli stessi, per armonizzare e rendere più fluidi gli orari, una deroga di dieci minuti in ingresso e in uscita per alunni e docenti.

In pratica si entra a scuola dieci minuti dopo e si esce dieci minuti prima.

Senza obbligo per i docenti di dover recuperare questi venti minuti, come espressamente previsto dalla normativa vigente, visto che la deroga oraria è un obbligo derivante da criticità legata ai trasporti degli alunni che debbono raggiungere la scuola da fuori Orvieto.

Dei 19 componenti del CDI hanno votato contrari uno, astenuti due, tutti gli altri presenti hanno votato a favore.

Era assente un solo componente.

Quindi da settembre la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e la scuola media il sabato saranno chiuse.

In particolare alla scuola media i fruitori del tempo corto svolgeranno orario scolastico dal lunedì al venerdì con ingresso alle 8,00 e uscita alle 13,40.

I fruitori del tempo prolungato faranno tre giorni con medesimo orario e due con rientro pomeridiano.

Una battaglia, quella del sabato a casa, iniziata sei anni fa dai genitori che quell’anno avevano iscritto i figli in prima elementare, e portata avanti con una raccolta firme
che aveva visto la convinta adesione di oltre 600 genitori.

Genitori che si erano costituiti nella associazione “Sabato Libero”.

Questa loro legittima e motivata richiesta si era scontrata con una avversione pretestuosa e non facilmente comprensibile e giustificabile di una parte delle componenti Ata e Docenti della scuola.

E con un atteggiamento assolutamente incomprensibile e censurabile della componente genitori presente nel passato CDI, che, contravvenendo al loro naturale ruolo di rappresentare e tutelare le istanze dei genitori, si erano associati alla componente docente e ata mettendosi di traverso avverso questa richiesta.

La diatriba è andata avanti negli anni.

Una svolta si è avuta con l’arrivo alla scuola Orvieto Baschi della attuale Dirigente Scolastica Antonella Meatta. La quale, intelligentemente e democraticamente, ha dato voce anche alle istanze della maggioranza dei genitori.

Cosi due anni fa, con coraggio e determinazione, nonostante il parere avverso di molti docenti e appartenenti al personale ata, ha dato la possibilità ai genitori al momento delle iscrizioni di poter scegliere tra sabato a casa o sabato a scuola.

Ovviamente sia a Sferracavallo che Orvieto la maggioranza dei genitori ha bocciato il sabato a scuola, optando per le classi con orario articolato su cinque giorni.

E cosi ci ritroviamo ad oggi, con questa svolta epocale nella scuola orvietana.

Una scelta che fino a pochi anni fa sembrava irraggiungibile, inapplicabile.

La stragrande maggioranza dei genitori orvietani ieri ha a più riprese espresso apprezzamenti per la Dirigente della scuola. Perché ha avuto il grande merito di avere portato un alone di giovinezza e di libertà, con il grande merito di aver fatto sentire i genitori parte viva e attiva della scuola, e non parte comprimaria e passiva da scomodare solo per il versamento della quota annuale della polizza assicurativa integrativa o per la richiesta dei soliti contributi volontari.

Una scuola funziona ed è viva solo se ha rispetto di tutte le componenti che la compongono dando voce e ascolto a esse. E il grande pregio della attuale Dirigente Scolastica e uno dei suoi innegabili meriti è stato proprio questo: rendere i genitori partecipi e soggetti attivi, sempre nel massimo rispetto dei ruoli e delle prerogative dei ruoli.

Come dire: una garanzia e un valore aggiunto dal grosso peso specifico la attuale  Dirigente Scolastica  per l’istituto comprensivo Orvieto/Baschi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *