Hai delle difficoltà economiche e un Reddito ISEE basso? Conosci le agevolazioni a cui hai diritto in base alla tua attuale situazione finanziaria? Scopriamole insieme.

Una serie di incentivi per sostenere famiglie e privati in difficoltà economica

Se hai un reddito ISEE che non supera 8.000 euro all’anno, ti conviene leggere questo articolo e prendere appunti. Ti forniremo una dettagliata guida di tutte le agevolazioni che potrai richiedere se sei in difficoltà economica. Come è tuo dovere pagare le tasse, è anche tuo diritto ricevere i bonus che vengono erogati dal Governo, in sostegno a quelle famiglie italiane che non hanno uno stipendio fisso e dignitoso.

Incentivi e strategie per pagare meno tasse, acquistare prodotti e soddisfare spese e bisogni fondamentali come quelli legati alle cure sanitarie.

Ricorda: attualmente, le due misure di sostegno più consistenti erogati dallo stato sono il Reddito di Emergenza e il Reddito di Cittadinanza e ad esse si aggiungono gli sconti.

Bonus bollette: luce, acqua, gas, telefono

Le famiglie con un Isee inferiore ai 8100 euro possono ottenere una serie di sconti sulle bollette.

Bonus luce

Il Bonus Elettrico è l’agevolazione che riduce la spesa sostenuta dai clienti domestici per la fornitura di energia elettrica. Introdotto dal Governo con DM 28/12/2007, il Bonus è stato pensato per garantire un risparmio sulla spesa annua per l’energia elettrica a due tipologie di famiglie: quelle in condizione di disagio economico e quelle presso le quali vive un soggetto in gravi condizioni di salute mantenuto in vita da apparecchiature domestiche elettromedicali.

Bonus gas

Il Bonus Gas è una riduzione sulle bollette del gas riservata alle famiglie a basso reddito e numerose. Il Bonus è stato introdotto dal Governo e reso operativo dalla delibera ARG/gas 88-09 dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas. Hanno diritto a usufruire dell’agevolazione quei clienti domestici che utilizzano gas naturale con un contratto di fornitura diretto o con un impianto condominiale se il loro indicatore ISEE non è superiore a 7.500 euro. Nel caso di famiglie numerose (con più di 3 figli a carico), l’ISEE non deve invece superare i 20.000 euro.

Bonus acqua

Il Bonus Sociale Idrico (o Bonus Acqua) è l’agevolazione finalizzata a ridurre la spesa per il servizio di acquedotto delle famiglie in condizioni di disagio economico e sociale. Introdotto dall’articolo 3, comma 1, del d.P.C.M. 13 ottobre 2016, in attuazione dell’articolo 60 della Legge 28 dicembre 2015 n. 221 (c.d. Collegato Ambientale), il bonus consente agli utenti domestici di non pagare il quantitativo ritenuto vitale per il soddisfacimento dei bisogni essenziali. Tale quantitativo minimo è fissato in 50 litri al giorno per singola persona (corrispondenti a 18,25 mc/abitante/anno).

Conto corrente gratis

Chi ha un Isee inferiore ai 11600 euro può aprire un conto corrente gratis. Lo stesso spetta agli anziani con trattamenti pensionistici non superiori a 18mila euro.

I titolari di questi conti hanno servizi servizi limitati così come il numero di operazioni consentite.

Contributo per pagare l’affitto

Chi non riesce a pagare l’affitto per problemi di natura economica può richiedere l’accesso al Fondo per la Morosità Incolpevole.

Che cos’è il contributo affitto 2020? Il contributo affitto è un aiuto che lo Stato attraverso i Comuni riconosce agli inquilini vittime di morosità incolpevole, ossia, quando a causa di un motivo molto grave che va al di là della propria volontà, l’affittuario non riesce a pagare l’affitto.

Rivolto agli inquilini malati o che hanno perso il lavoro e hanno un Isee non superiore ai 26mila euro. A gestire questi bandi sono le Regioni. Il fondo può essere integrato da bandi ad hoc gestiti da singoli Comuni per cittadini che hanno un Isee inferiore ai 28mila euro.

Tasse scolastiche

Le tasse scolastiche sono obbligatorie e vanno versate per la frequenza del quarto e del quinto anno delle scuole superiori. Gli importi delle tasse sono:

tassa di iscrizione: € 6,04;

tassa di frequenza: € 15,13;

tassa per esami di idoneità, integrativi, di licenza, di maturità e di abilitazione: € 12,092;

tassa di rilascio dei relativi diplomi: € 15,13.

Sono esonerati dal versamento di queste tasse, ai sensi del decreto Miur n. 370/2019, gli studenti di famiglie con ISEE pari o inferiore a 20.000,00 euro

Reddito di emergenza

Il Reddito di Emergenza è il nuovo strumento, previsto nel Decreto Rilancio varato il 13 maggio 2020, che ambisce a tutelare i nuclei familiari, non coperti dagli attuali interventi di aiuto, in condizioni di difficoltà economica come conseguenza della pandemia Covid-19
Il Rem sarà erogato dall’INPS in due quote ciascuna pari all’ammontare di 400 euro.

Requisiti per accedere al Rem?

Essere residenti in Italia, con riferimento al componente richiedente il beneficio
Isee inferiore a 15.000 euro
Reddito familiare degli ultimi due mesi inferiore alla cifra erogata con il Rem
Non possedere un patrimonio mobiliare (e conti correnti o simili) familiare con riferimento all’anno 2019 inferiore a una soglia di euro 10.000, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000; il massimale è incrementato di 5.000 euro in caso di presenza nel nucleo familiare di un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza come definite ai fini dell’Indicatore della Situazione Economica.

Spese sanitarie

Non solo…sai che se hai reddito basso puoi ottenere l’esenzione sanitaria?

Se sei interessato, puoi leggere in questo articolo ciò che riguarda l’esenzione per farmaci e prestazioni sanitarie per cittadini con redditi ISEE bassi: I 6 casi in cui spetta l’esenzione ticket sanitario

 

Fonte: https://www.social-magazine.it/hai-un-reddito-isee-basso-ecco-tutte-le-agevolazioni-che-puoi-richiedere/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *