Albenga. Il ministro dei beni culturali Dario Franceschini in contatto telefonico con il sindaco di Albenga Riccardo Tomatis per discutere sul futuro dell’isola Gallinara: “Nel pomeriggio di ieri ho ricevuto una telefonata dal ministro Dario Franceschini, il quale mi ha assicurato che gli uffici competenti del ministero stanno già esaminando le carte, lo stato dei vincoli esistenti e gli eventuali diritti di prelazione”.

Il primo cittadino ingauno, infatti, in seguito alla vendita dell’isola Gallinara a Olexandr Boguslayev, 42enne immobiliarista ucraino, ha attivato “tutti i canali e i contatti a sua disposizione al fine di valutare la possibilità di esercitare il diritto di prelazione“.

Com’è questa cosa che vendiamo le isole? Com’è che alcune le svendiamo, soprattutto?

Certo, quasi tutto appartiene a qualcuno: persino molte celebri montagne hanno un teorico proprietario, ma niente e nessuno impedisce di accedervi liberamente come la Costituzione garantisce. La legge, infatti, «determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti». Poi, però, in molti casi non è vero. Abbiamo appreso che l’isola Gallinara è stata venduta per circa 10 milioni di euro: è l’unica vera isola della Liguria, una riserva naturale a 1 chilometro e mezzo al largo di Albenga e Alassio, un tempo era della Chiesa e poi se la sono passata banchieri e industriali. Ora l’ha presa – pare – un ucraino che risiede a Montecarlo ma che ha cittadinanza ai Caraibi (tutto molto trasparente) e altre domande sono lecite: che ne farà? Potremmo avvicinarci all’isola? Sparerà ai nostri gommoni? Farà un resort? Pagherà delle tasse? A chi? Ma poi: chi stabilisce il prezzo? E a chi vanno i soldi? In Italia ce ne sono altre di isole già vendute o in vendita, alcune a caro prezzo (per fare cassa, come si dice) ma altre che sono praticamente regalate. Esistono anche un paio di siti internet per andarsi a vedere che cosa c’è sul mercato, e a quanto: e torna in mente il Tremonti televisivo caricaturizzato da Corrado Guzzanti, quello che, per far rientrare il deficit, diceva sconsolato: «Non resta che vendere la Sardegna».

AREE NATURALI
Molte isole sono già private e sono vincolate come aree naturali, quindi non è che ci costruiranno dei grattacieli o appunto ci saranno delle vedette a intimarci l’alt: ma in altri casi non si capisce la logica con cui si svendono porzioni di Italia che erano accessibili a chiunque. Prendete l’Isola delle Femmine che c’è a pochi chilometri da Palermo: è in una riserva adibita a favorire la sosta di certi uccelli migratori, ma ora risulta in vendita a un milione di euro. L’avevano messa all’asta 3,5 milioni, ma nessuno si è fatto avanti. Ma ne vendono altre, alcune delle quali trovate sui siti Private Island online o Vladi private island: c’è l’Isola di Santa Maria a Trapani, mentre nella laguna veneziana non si capisce neanche più quante sono: si va da un forte napoleonico all’Isola di Venezia (si chiama proprio così) che risulta «in sconto» a solo 12 milioni di euro per 190.000 metri quadri con edifici e villa in costruzione, oltre a un allevamento ittico; compresa nel prezzo una palude più 380.000 metri quadrati di acqua lagunare, per un totale di 2.200.000 metri quadrati di proprietà. Venezia è a un tiro di schioppo, un affare. Per chi? Lo Stato ha messo sul mercato anche Poveglia (Venezia) già chiamata anche «l’isola fantasma»: ma i cittadini hanno organizzato l’Associazione «Poveglia per tutti» con un crowdfunding di 500mila euro per riqualificare il territorio ed evitare la vendita a fini speculativi: che è quello già successo all’isola San Secondo, sempre in Laguna, già venduta per farci un albergo di lusso. Cioè: si fa una colletta per non far vendere un pezzo di Paese.

IN SARDEGNA
In Sardegna in compenso vendono un piccolo paradiso chiamato Isola di Marinella, nel golfo di Marinella, vicino a Porto Rotondo: un paradiso floreale con abitazioni, ville, moli e moletti, una strada che collega alla terraferma, e qui il prezzo è «su richiesta», come per le abitazioni di una certa levatura. Costa sicuramente un botto, ma oggigiorno, dico, vuoi non avere un’isola? I meno ricchi possono guardare all’isola di Cirella in Calabria, sul Tirreno, in provincia di Cosenza: ci sono delle fortificazioni militari costruita nel 1562 per difendersi dai turchi e si estende su 11 ettari. Dalla costa ci si arriva a nuoto, e costa solo 570.000 euro, che a Milano neanche ti pigli un bilocale. Magari, per comprare l’Isola delle Sirene al largo della costa di Taormina, possono farvi un mutuo: è favolosa, proprio di fronte all’Hotel Atlantis Bay: ha un piccolo porto e una scogliera a picco sulle onde con vista mozzafiato.

TRE VENEZIA E TRIESTE
Un paio di fabbricati garantiscono la trasformazione in villa con in più una piccola dependance, ideale per un custode che ti spari a pallettoni se ti avvicini. «Su richiesta» è anche il prezzo per l’isola di Grado, con piccola villa, molo, allevamento ittico e altro ancora: è tra Venezia e Trieste (5 minuti dalla costa) ed è già dotata – precisano – di acqua potabile, elettricità, telefono, internet, tv via satellite, giardino mozzafiato, c’è spazio per andare in bicicletta. Un saltino di mille e passa chilometri, infine, ed eccoci all’estremità dello Stivale, all’Isola di Capo Passero dove il progetto iniziale prevedeva una riserva naturale, ma ora hanno cambiato idea: meglio un resort turistico. E ci fermiamo qui, non è un catalogo. E non è neanche uno scandalo, forse: molte isole erano già private, anche se appartenevano, perlomeno, ad italiani: si potrebbe stabilirla come regola, all’estero già lo fanno. Altre isole, però, sono dello Stato (nostre, in teoria) e sappiamo che lo Stato deve fare cassa. Quindi lo Stato vende lo Stato, noi stessi vendiamo noi stessi come pezzi del nostro corpo: altri mestieri già lo fanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *