La tragedia a Crema, a soccorrerla soltanto due persone che  hanno tentato invano di spegnere il rogo con un asciugamano e un estintore, mentre il resto dei testimoni filmava col cellulare.

Una donna si è data fuoco e ha perso la vita nell’incendio. La tragedia a Crema,  in un campo vicino a un ristorante, verso le 13 di sabato 1° agosto.

Un passante, che si trovava in macchina con la moglie, è sceso e ha cercato di spegnere il rogo servendosi di  un asciugamano da palestra, aiutato poi da un altro uomo arrivato con un estintore. Intanto – ha poi raccontato il soccorritore – altre persone, una ventina, con lo smartphone in mano sono rimaste nel parcheggio del ristorante.

Il commento amaro del sindaco

Per la vittima, che si era cosparsa di liquido incendiario, non c’è stato nulla da fare. Il sindaco di Crema, Stefania Bonaldi su Facebook ha pubblicato il racconto del soccorritore, commentando con amarezza “se gli spettatori di questa tragedia hanno avuto la freddezza di prendere il telefonino ed immortalare la scena, anziché correre in aiuto o chiamare i soccorsi, allora dobbiamo farci delle domande. Serie e molto, molto urgenti. Cosa siamo diventati?”.

“Non sappiamo ancora chi sia, questa povera donna, e non conosciamo bene le dinamiche di quanto accaduto – ha scritto il primo cittadino -. Saranno le forze dell’ordine a farci capire qualcosa in più. Ma la testimonianza di questo primo soccorritore, che passava in quel momento e si è fermato a porgere aiuto, è agghiacciante”.

“E se quella donna fosse stata nostra figlia, sorella, moglie, madre? – ha continuato Bonaldi –  Cosa può renderci così insensibili e distaccati verso la sofferenza degli altri? Perché questa indifferenza? Un abbraccio a questo “buon samaritano”, che passava per caso e si è fermato a prestare aiuto, anche se evidentemente non è bastato, ed un pensiero pieno di dolore per questa donna. Non è un buon giorno, oggi, Crema”.

Fonte: https://www.milanotoday.it/cronaca/donna-si-da-fuoco-crema.html

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *