Il sindaco di Messina, Cateno Roberto Salvatore De Luca, ha deciso di bloccare l’arrivo dei traghetti in Sicilia

La forte decisione del sindaco di Messina.

Nonostante i nuovi decreti del Governo, in Sicilia stanno continuando a sbarcare moltissime persone proveniente dal Nord Italia: una situazione potenzialmente molto pericolosa, visto che le strutture dell’isola non sono abbastanza rifornite per poter accogliere un numero di contagiati elevato proprio come attualmente sta accadendo in regioni come la Lombardia. Con l’ultima decisione presa dallo stato, a tutti i cittadini è stata vietata la possibilità di ritornare al proprio domicilio o di recarsi in un altro comune: una scelta che ha logicamente causato un rientro in massa dei tantissimi siciliani ancora rimasti bloccati nel Nord Italia.

Dal momento che il presidente Nello Musumeci non ha messo in pratica la sua forte decisione di chiudere il porto e di conseguenza l’arrivo delle tante persone provenienti dalle altre zone di Italia, è stato il sindaco della città di Messina a passare direttamente dalle parole all’azione. Cateno Roberto Salvatore De Luca, primo cittadino della provincia siciliana, ha dunque deciso di recarsi presso il porto con l’intenzione di non far sbarcare tutte le persone presenti su un traghetto cui arrivo è previsto per le 22 di stasera: una scelta fondamentale per evitare la diffusione del Coronavirus e prevenire il contagio.

Il sindaco ha deciso di trasmettere in diretta sulla propria pagina Facebook direttamente dal porto, rispondendo a tutte le domande dei giornalisti presenti e manifestando costantemente la sua volontà di non far entrare nessun cittadino in Sicilia: “Voglio trovare i 3000 pendolari che sono registrati, ho il diritto di sapere chi entra in Sicilia in quale comune si reca, per avvisare i rispettivi sindaci. Queste persone devono mettersi in auto quarantena ed essere controllati dalle autorità“, queste alcune delle sue parole.

Segui in diretta su Mediagol.it l’arrivo del traghetto al porto di Messina.

 
 
 
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *