Il tecnico della Juve: “Dobbiamo crescere, ma nel momento clou mi sono trovato senza sostituzioni. E 35 gradi in mezzo al campo si sentono”

Una brutta Juventus. E il primo ad esserne consapevole è Maurizio Sarri. “Abbiamo fatto una partita non di alto livello dal punto di vista tecnico, situazione complicatissima con tutte le sostituzioni usate per infortuni, quando nel momento chiave tre cambi con giocatori freschi sarebbero stati importanti. Dobbiamo crescere molto dal punto di vista qualitativo e tattico. E abbiamo pagato anche l’aspetto fisico. Adesso giocare alle 15 o alle 20.45 cambia, perché in mezzo al campo c’erano 35 gradi. Non siamo stati bravi a portare la partita sul pulito. Anche i due davanti hanno fatto male, quando la squadra si difende più bassa devono accorciare di più. Ho la consapevolezza che una squadra con meno carattere una partita così la perderebbe. Noi avevamo cinque giocatori in coppa America e otto in infermeria, abbiamo chi è più avanti e chi più indietro”.

Fiorentina, occasione sprecata: una brutta Juve perde tre uomini ma evita la sconfitta

Sarri conferma anche le impressioni a caldo sulla situazione degli infortunati. “Per Douglas si tratta di un infortunio di entità superiore, per Pjanic potrebbe essere un problema minore ma vediamo domattina. Aveva preso un colpo sul muscolo in settimana e ogni tanto oggi gli si incrampava, così abbiamo deciso di toglierlo”.

 

Fonte: https://www.gazzetta.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *