Mafia, blitz fra Palermo e New York: 19 arresti. Bloccato il ritorno dei clan Inzerillo e Gambino

Dopo la morte di Riina, avevano detto no alla Cupola: “Se li arrestano, quelli parlano subito”. In manette anche il sindaco di Torretta: “Era a disposizione”

A Palermo, sono le tre di una notte afosa. A New York, invece, le nove di una sera che minaccia pioggia. Un messaggio di WhatsApp corre da una parte all’altra, è il segnale che i ragazzi della squadra mobile e i colleghi dell’Fbi stavano aspettando. Via, insieme. Fra le strade di Passo di Rigano, di Boccadifalco, di Torretta e in contemporanea fra le ville di Brooklyn, di Staten Island, del New Jersey. Perché dalla Sicilia agli Stati Uniti la vecchia mafia degli Inzerillo e dei Gambino è tornata ad essere forte. E’ la mafia su cui avevano indagato il capo della Mobile Boris Giuliano negli anni ‘70 e poi il giudice Giovanni Falcone. Oggi, l’ultima inchiesta del pool di Palermo coordinato dal procuratore Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Salvatore De Luca svela un drammatico ritorno al passato. Sono scattati diciannove arresti a Palermo fra gli Inzerillo e i Gambino, decine di perquisizioni negli Stati Uniti.

Mafia, in esclusiva le immagini del blitz di Palermo. Con Polizia ed Fbi nel regno degli Inzerillo

Leggi Tutto: https://palermo.repubblica.it/cronaca/2019/07/17/news/mafia_blitz_fra_palermo_e_new_york_il_ritorno_dei_vecchi_clan_inzerillo_e_gambino-231349246/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *