• 23 Giugno 2022
  • No Comment
  • 80

Funerali di Elena Del Pozzo, la piccola bara bianca è stata accolta dagli applausi

Funerali di Elena Del Pozzo, la piccola bara bianca è stata accolta dagli applausi

DISCLAIMER

Dolore e commozione ai funerali della piccola Elena Del Pozzo, brutalmente uccisa dalla madre. Il vescovo ricorda: “Bimbi tornino al centro della vita”.

I familiari non si danno pace. Accettare il dolore per la perdita della piccola Elena Del Pozzo sembra impossibile. Resta un omicidio incomprensibile, efferato, sicuramente disumano. La madre, lei che avrebbe dovuto proteggere e accompagnare nella crescita la sua bambina, ha trovato la forza per colpirla con crudeltà, fino a toglierle la vita.

Nel Duomo di Catania si sono celebrati i funerali della bambina e la piccola bara bianca è stata accolta dagli applausi. Commoventi le parole del vescovo.

Funerali di Elena Del Pozzo, dolore e commozione

“Elena sei sempre nei nostri cuori”, recita uno striscione. Tanti i palloncini bianchi che accompagnano l’ultimo saluto dedicato a Elena. La città natale della bambina, Mascalucia, si è fermata proclamando il lutto cittadino e invitando esercizi commerciali, organizzazioni politiche, sociali e sportive a interrompere la propria attività per l’intera durata dei funerali.

“È doveroso rappresentare alla famiglia di Elena la vicinanza e la solidarietà da parte dell’intera cittadinanza, anche in forma pubblica e istituzionale, in segno di rispetto e di profonda partecipazione al profondo dolore dei parenti della piccola e di tutta la comunità”, ha detto il sindaco presente alla cerimonia.

Oltre alle tante corone di fiori, la bara della bambina è stata accolta da un grande applauso e accompagnata dal volo dei palloncini bianchi.

Ad attendere il carro funebre erano presenti circa 300 persone, per le quali “Elena è la figlia di tutti noi”. Posti anche due cuscini con la scritta “Le mamme di Hakuna Matata”, la scuola materna che frequentava Elena, e “Le maestre”.

Presente, in lacrime, il papà Alessandro, il nonno Giovanni, la zia Martina Vanessa, la nonna Rosanna Testa. Protezione civile, polizia ed esercito hanno transennato e monitorato la zona.

Le parole dell’arcivescovo

L’arcivescovo di Catania Luigi Renna ha celebrato i funerali di Elena Del Pozzo, pronunciando parole commoventi.

“Un’ultima parola a tutti noi che, come giudici siamo pronti a lapidare sempre qualcuno che ha sbagliato. Ho letto su un muro della nostra città, nei pressi della Chiesa del Divino Amore, una frase che chiedeva riposo eterno per Elena e tormento eterno per la sua mamma. Non credo che la piccola Elena sarebbe d’accordo con quelle parole, come ogni bambino. E voi genitori, non insegnate la violenza delle parole ai vostri figli, né sui social, né sui nostri muri già abbastanza sporchi. Perché un bambino, quello che Gesù Cristo ha messo al centro, non è capace di concepire vendette, sedie elettriche, patiboli mediatici e, se impara queste cose, le impara da noi. I bambini sono “puri di cuore”, dice Gesù Cristo e non sanno imbracciare né armi, né impugnare pietre”, ha dichiarato.

Quindi ha aggiunto: “E se un domani ci dovessero essere altre vittime come la nostra piccola Elena, sarà perché qualcuno avrà seminato nel campo di Dio la gramigna dell’odio, della vendetta, della rabbia, dell’irrazionalità. Sforziamoci di seminare ciò che Cristo e ogni uomo animato da buona volontà spargono con abbondanza: misericordia, pietà, giustizia, dialogo, prevenzione di ogni forma violenza. Solo così non ci saranno più funerali come questo. Che la Vergine Santa e Sant’Agata prendano per mano la piccola Elena e pregano per tutti noi adulti, perché sappiamo allungarci, alzarci sulle punte dei piedi, per stare all’altezza dei bambini.

 

Funerali di Elena Del Pozzo, la piccola bara bianca è stata accolta dagli applausi

Leggi tutto: https://www.notizie.it/funerali-di-elena-del-pozzo-la-piccola-bara-bianca-e-stata-accolta-dagli-applausi/

Articoli correlati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.